Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 5 dicembre 2013

Tre anni dopo Macondo

Da “Truthout”. Traduzione di MR

Di Dahr Jamail, Aljazeera English

Tre anni dopo l'esplosione, il declino della pesca e le deformità indicano un ambiente sotto stress. (Foto: Erika Blumenfeld)

New Orleans – Centinaia di chili di detriti oleosi sulle spiagge, declino della pesca ed altri segni preoccupanti indicano un ecosistema in crisi sulla scia del disastro petrolifero della BP nel Golfo del Messico. “Ciò che stiamo vedendo è inquietante” ha detto ad Al Jazeera il membro della Task Force “Ostrica”, in Louisiana, Brad Robin. “Non ci sono più piccoli di granchio, il che è un brutto segno. Stiamo vedendo cose mai viste prima”. Robin, un pescatore e commerciante di ostriche che è anche membro del Comitato Consultivo del Governo della Louisiana, ha detto che del fondo marino nel quale ha raccolto le ostriche in passato, solo il 30% è produttivo ora.

“Vediamo granchi con buchi nel guscio ed altre deformità dei frutti di mare. La stagione delle ostriche dello stato della Louisiana ha aperto il 15 ottobre e non siamo in grado di trovare nessuna produzione la fuori, ancora. Non c'è vita la fuori”. Secondo Robin, interi settori dell'area di raccolta di ostriche della Louisiana sono “morti o in gran parte morti”.  “Ho 10 barche nella mia flotta e solo due di loro sono in funzione, perché non ho la produzione per far andare le altre. Non siamo neanche lontanamente vicini a tornare alla normalità e non posso dirvi quando e se ci si tornerà”. Le statistiche dello stato della Louisiana confermano che i numeri della pesca complessiva sono declinati dal momento dello sversamento.

Sono stati trovati oltre tre milioni di libbre di materiali oleosi in Louisiana quest'anno. (Foto: Erika Blumenfeld / Al Jazeera)

E' tutto a pezzi


Gamberi con tumori continuano ad essere trovati lungo la zona di impatto, dalla Louisiana alla Florida.
 (Foto: Dean Blanchard)
Robin non è il solo membro dell'industria ittica del Golfo a riportare notizie desolanti. Kathy Birren e suo marito sono proprietari della Hernando Beach Seafood, un'impresa per la vendita all'ingrosso di frutti di mare in Florida.

”Ho visto molti cambiamenti da quando c'è stata lo sversamento”, ha detto la Birren ad Al Jazeera. “Il nostro raccolto di granchio di pietra è crollato e non è più ritornato; i numeri sono di gran lunga inferiori. Di solito vedresti un po' di buona pesca al granchio lungo le coste della Florida, ma quest'anno abbiamo avuto problemi ovunque”. Birren dice che i problemi non ci sono solo coi granchi. “Anche la nostra pesca della cernia è crollata da quando c'è stata lo sversamento”, ha aggiunto. “Abbiamo visto pesci con sfere di bitume nello stomaco fino alle Florida Keys. Abbiamo preso una cernia con sfere di bitume nello stomaco lo scorso mese. In generale, è tutto a pezzi”. Secondo la Birren, molti pescatori nella sua zona si stanno arrendendo. “La gente si sta ritirando dalla pesca e svende perché deve. Io abito nella Florida centro occidentale, ma i pescatori fino a Key West stanno lottando per andare avanti. Penso al futuro di mio figlio, visto che è appena entrato nel settore, e sono preoccupato”.


Dean Blanchard, proprietario di un'azienda di frutti di mare a Grand Isle, in Louisiana, è a sua volta profondamente preoccupato da quello che vede. “Ci sono grandi strati di bitume che emergono a Elmers Island, Fouchon, Grand Isle e Grand Terre," ha detto Blanchard ad Al Jazeera. “Ogni volta che c'è cattivo tempo ci arrivano nuove palle e strati di bitume”. Blanchard ha detto che la sua impresa genera solo il 15% di quello che generava prima dello sversamento. “ Sembra che stia peggiorando”, ha detto. “Ho detto a mia moglie che quando va al supermercato può spendere solo il 15% di quello che spendeva prima”.  Blanchard ha visto anche visto gamberi con deformità ed ha fatto delle foto di gamberi con tumori (vedi sopra). Ad altri mancano gli occhi. Egli attribuisce le deformità all'uso da parte della BP di agenti disperdenti per far sprofondare il petrolio fuoriuscito. “Tutti coloro che vivono quaggiù li hanno visti spruzzare i loro agenti disperdenti giorno dopo giorno. Hanno spruzzato le nostre baie e le nostre spiagge”, ha detto. “Abbiamo un problema, perché la BP dice di non aver spruzzato nulla quaggiù, ma c'era un prete che li ha a sua volta visti. Quindi, o abbiamo un prete bugiardo, ho mente la BP”.  La BP e la Guardia Costiera hanno detto ai media di non aver mai spruzzato agenti disperdenti entro le 10 miglia dalla costa e che gli agenti disperdenti non sono mai stati usati nelle baie.

Gambero senza occhi, insieme ad altre anormalità dei frutti di mare, sono diventati comuni in molte aree lungo la costa del Golfo. (Foto: Erika Blumenfeld / Al Jazeera)

Un recupero lungo decenni

Su una nota più cupa, il dottor Ed Cake, un oceanografo biologico e biologo marino, crede che serviranno decenni al Golfo per recuperare dal disastro della BP. “Gli impatti dell'esplosione del Ixtoc 1 sulla Baia di Campeche nel 1979 si sentono ancora”, ha detto Cake, riferendosi alla grande perdita di petrolio vicino alla costa messicana, “e ci sono baie in cui le ostriche non sono ancora tornate. La mia previsione è che avremo a che fare con gli impatti di questo sversamento per diversi decenni a venire e questa cosa mi sopravviverà”. Secondo Cake, la pesca del granchio blu e del gambero è crollata in Mississippi e Alabama dal momento dello sversamento e d ha anche espresso preoccupazioni sulla moria di delfini in corso. Ma la sua preoccupazione principale è il recupero lento della popolazione di ostriche della regione. “Il Mississippi ha aperto di recente la sua stagione e i loro pescatori di ostriche sono autorizzati a pescare solo 12 sacchi di ostriche al giorno. Ma non riescono a prenderne nemmeno 6”, ha detto Cake. “30 sacchi sarebbero il pescato normale di un giorno per quanto riguarda le ostriche – che era il limite precedente – ma questo ora è stato ridotto perché le riserve non ci sono”. La conclusione di Cake è sinistra: “Qui nelle aree dell'estuario, dove ci sono le ostriche, penso ci vorranno un decennio o due prima di vedere un qualche recupero”. La BP in precedenza aveva fornito ad Al Jazeera una dichiarazione su questo argomento, una parte della quale diceva. “I frutti di mare dal Golfo del Messico sono fra i più collaudati del mondo e, secondo la FDA (Food and Drug Administration) e il NOAA, è sicuro ora quanto lo era prima dell'incidente”. La BP sostiene che le lesioni ai pesci sono comuni e che prima dello sversamento c'erano prove documentate di lesioni nel Golfo del Messico causate da parassiti ed altri agenti.

Trovato altro petrolio

La seconda fase del processo in corso contro la BP appura se le azioni della compagnia per fermare la fuoriuscita di petrolio durante l'esplosione sono state adeguate e punta a determinare quanto petrolio è stato rilasciato. “La BP sta montando una campagna di pubbliche relazioni e legale aggressiva per proteggere se stessa dalla responsabilità e minimizzare la quantità di petrolio fuoriuscito nel Golfo, così come gli impatti in corso a causa del disastro”, ha detto Jonathan Henderson, un organizzatore della Rete per il Ripristino del Golfo, un gruppo ambientalista. Persino il Governatore Repubblicano della Louisiana Bobby Jindal è d'accordo. Jindal ha recentemente detto, “Tre anni e mezzo più tardi, la BP sta spendendo soldi – voglio che lo ascoltiate – spende più soldi per spot televisivi di quanti ne abbia realmente spesi per ripristinare le risorse naturali che sulle quali ha impattato”.

Più lontano dal luogo dell'esplosione in Florida, i ricercatori continuano a trovare petrolio sia a Tampa Bay sia a Sarasota Bay. In Lousiana, secondo l'Autorità per la Protezione e il Ripristino della Costa della Louisiana (APRC), più di 200 miglia di linea di costa hanno “un inquinamento da petrolio di qualche tipo”, comprese 14 miglia che sono moderatamente o pesantemente sporche di petrolio. Da marzo ad agosto di quest'anno, sono stati raccolti oltre tre milioni di libbre di materiali petroliferi in Louisiana, più del doppio della quantità durante lo stesso periodo dello scorso anno. In aggiunta, La APRC riporta che “le ricerche sulla composizione chimica dei campioni di petrolio del MC252 [il pozzo di Macondo della BP] dimostrano che il petrolio sommerso NON è sostanzialmente logorato e non ha esaurito gran parte degli IPA [idrocarbori policiclici aromatici]”, e “controversie... scoperte portate dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti secondo le quali il petrolio della Deepwater Horizon non è tossico”. L'agenzia ha anche espresso preoccupazioni secondo le quali “il petrolio sommerso potrebbe continuare a costituire un rischio a lungo termine per gli ecosistemi sotto costa”.

“Continuano anche ad emergere nuovi impatti sull'ecosistema e sulle creature del Golfo”, ha detto Henderson ad Al Jazeera. “Solo quest'anno, Il Servizio Nazionale Marino per la Pesca ha registrato lo spiaggiamento di 212 delfini ed altri mammiferi marini nel nord del Golfo. Un nuovo studio scientifico condotto dal NOAA, dalla BP e da ricercatori universitari a sua volta mostra significativi impatti negativi sui piccoli organismi che vivono sul letto del mare in un'area di 57 miglia quadrate intorno al sito del pozzo della Deepwater Horizon”. Numerosi altri impatti sono stati documentati da quando è iniziato il disastro, compresi sconvolgimenti genetici delle Cyprinodontidae del Golfo, pericolo per il corallo di profondità e moria dei piccoli foraminiferi che sono una parte importante della catena alimentare del Golfo. Gli studi in corso continuano a rivelare tossine dallo sversamento della BP nei campioni di acqua, suolo e frutti di mare. Nel frattempo, i pescatori nella zona di impatto della BP si chiedono se le cose torneranno mai alla normalità. “Il nostro futuro è molto, molto oscuro e non esistono granchi spugna là fuori, che sono il futuro”, ha concluso Robin. “Non ho mai visto una cosa simile nella mia vita. Non vedo un futuro, perché è tutto morto la fuori”.