Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 3 luglio 2015

Caldo: preparatevi al peggio





Entro certi limiti è normale che a Luglio faccia caldo ma, nella situazione odierna, siamo di fronte a un'ondata di calore eccezionale che comincia a ricordare quella storica del 2003. 

Ne discute Sam Carana nel suo blog, facendo notare come tutto sia correlato all'indebolimento della corrente a getto, causato a sua volta del riscaldamento globale. Lo vedete in questa immagine (sempre dal blog di Carana)



Ci ritroviamo dunque in una bolla di calore che si estende su tutta l'Europa centrale. Non si può prevedere quanto durerà, però preparatevi al peggio: non è una cosa che va a esaurirsi in pochi giorni. 



23 commenti:

  1. Sicuro che non ci siamo "manine" che hanno dirottato le correnti a getto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. acc....sicuramente sarà colpa delle scie comiche

      Elimina
    2. no ..... hanno costruito un enorme ventilatore sotto il Sahara..... grossomodo fra Libia e Chad ....è più potente delle scie chimiche ....

      PS: ma è proprio così difficile capire che è un problema creato dal tipo di "progresso" scelto dall'umanità negli ultimi secoli seguendo un modello egoistico privo di limiti e non di un "comblotto"?

      Elimina
  2. La Svizzera sta vivendo una delle settimane più calde dall’inizio delle misurazioni iniziate 150 anni fa.
    http://www.meteosvizzera.admin.ch/home/attualita/meteosvizzera-blog.subpage.html/it/data/blogs/2015/7/una-delle-settimane-piu-calde-da-150-anni.html
    Vuoi vedere che c'è la manina dei banchieri di Zurigo? :-D

    RispondiElimina
  3. Colpa di uno o dell'altro cerchiamo di guardarlo una volta tanto il cielo che sta lí per tutti... Senza parole comunque, centinaia di comitati in tutto il mondo che con migliaia e migliaia di prove chiedono risposte ma rimangono ignorante, decine di interrogazioni parlamentari solo in Italia??!! decine di segnalazioni da parte di chi col cielo ci lavora ancora (piccoli agricoltori ormai troppo anziani per interessarsi alle balle di internet), ed ancora decine di brevetti sulla modificazioni in certe aree di temperatura ed umidità mediante aereosol lanciate da aerei di metalli pesanti e bla bla bla andatevele a cercare voi ste cose se veramente vi interessano... Non ridicolizzate l'argomento che è una cosa seria, perché o la gente che davvero capisce che c'è un problema solo guardando il cielo e si riunisce in comitati (andateveli a cercare quanti ce ne sono solo in Italia) o che sono diventati tutti paranoici e coplottisti tutti allo stesso momento o davvero c'è qualcosa che non va'... Nel resto del popolino che dorme e si risveglia solo sulle chat e le varie discussioni solo per dar contro a una parte di persone che invece chiede solo risposte e fin ora... Nulla!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vuoi una risposta, Michele? La vuoi davvero? E allora, ti posso dire una cosa? E la cosa è questa: con questa storia delle scie avete rotto il piffero. Avete rotto la baguette. Avete rotto il serpente antivento di peluche. Avete rotto il bastoncello di liquirizia. Avete rotto il pinguino ghiacciato. Avete rotto il mestolo della minestra. Non se ne può più. Ma veramente. Siete peggio degli avventizi del sabato sera. Siete peggio dei testimoni di Giobatta. Siete peggio dei seguaci di Grisostomo il friggitore. Siete peggio di non so più cosa..... Insomma, come diceva mio nonno buonanima in puro toscano "m'avete bell'e fatto 'ardo".

      Elimina
    2. io sapevo che esistono davvero le scie chimiche, sono stati i rettiliani!
      se guardi i video su utub vedi gli occhi di rettile.. giuro, me lha detto mio cugino

      Elimina
    3. Caro Bardi,

      con tutto il dovuto rispetto la sua risposta mi sembra un po' sopra le righe: sarà il caldo? :-)

      "Seriamente", una risposta verosimile sull'origine e lo scopo delle Chem Trails mi sembra quella che indica Giulietto Chiesa nell'articolo che linko sotto: le CT molto probabilmente esistono e sono sistemi sperimentali di geoingegneria "alla disperata" per aumentare l'albedo locale e planetaria mediante tecniche di SRM (Solar Radiation Management), al fine di poter "calciare la lattina" del BUA ancora un po' più avanti. Che poi funzionino come inteso o no è un'altra storia, ovviamente.

      http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=119596&typeb=0&geoingegneria-e-dintorni

      Insomma, le CT non sono causa o concausa del GW, ma sono invece un tentativo disperato dei tipici apprendisti stregoni dei TPTB per rallentarne gli effetti.

      Poi, naturalmente lei è libero di continuare ad essere "negazionista", ovvio, e capisco anche come, nella sua posizione accademica e nel contesto dell'attuale guerra di FUD contro (il riconoscimento pubblico dell'esistenza di) TLoG e GW, sia per lei "sensato" mantenere tutta la distanza possibile da uno degli argomenti che la propaganda di regime ha assurto come strumento principe per screditare i pensatori non graditi... :-D

      Con affetto.

      Elimina
    4. Guarda, anonimo affettuoso, era meglio il rompicoglioni di prima, quello che diceva "Alzate gli occhi al cielo e sarete convertiti!!". Perlomeno era convinto.

      Se cerchi di razionalizzare, fai molto peggio e scassi il serpente di peluche ancora di più.

      Affettuosamente.

      Elimina
    5. Caro Bardi,

      mi spiace per il peluche... rettiliano (pun intended ;-) che rischia microtraumi vertebrali da scuotimento ripetuto, ma, francamente, un'opinione di Giulietto Chiesa non mi sembra si possa prendere a priori come fuffa.

      Poi, i gusti son gusti, chiaramente.

      Buon lavoro.

      Elimina
    6. Eccezionale: prima, quell'altro disperato mi dice "ci sono i comitati contro, dunque le scie chimiche esistono."

      Ora, mi arriva quest'altro con una ancora migliore: "ci crede Giulietto Chiesa, dunque le scie chimiche esistono."

      Insomma, avete veramente rotto tutti gli strumenti musicali dell'orchestra. Basta.

      Elimina
  4. Firenze Nova, 4 luglio 2015, ore 2,35, temperatura interna in casa mia: 30°C....

    RispondiElimina
  5. Michele: le risposte che abbiamo tutti bisogno sono ben altre. Taglio netto delle emissioni di gas serra, non si scappa. Tutte le storie che scrivi - ammesso e non concesso che siano vere - è roba superflua in confronto all'unico vero e irriducibile problema di questo e dei prossimi tempi. È come preoccuparsi per un graffietto al ginocchio anziché iniziare una cura drastica di chemio, sperando che basti e che vada bene. Non so se rendo l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiungo Steph, che in alcune aree (esempio Lombardia settentrionale) questo calore estremo si associa a valori pericolosi di OZONO, che da soli giustificherebbero misure urgenti di limitazione dell'uso di auto per motivi sanitari e agricoli. Non se ne parla neppure, ovviamente.

      Ps: Le afose notti lombarde, oltre che dai 30 gradi umidi e dalle zanzare, sono allietate dal rombo incessante di veicoli di ogni tipo, tra cui soprattutto motorastre moleste che sembra non siano soggetti al codice della strada. E poi c'è expo con i parcheggi vuoti e il grande capo che invita a usare l'auto per riempirli. perdonate lo sfogo ot di un lombardo accaldato e con occhi che bruciano.

      Elimina
    2. Il CO2 (raddoppiato rispetto all'era preindustriale) è invisibile.
      Le scie degli aerei invece si vedono.

      Elimina
    3. Me le fai vedere, che sono cieco? Stasera, per es., non le vedo. Hanno sospeso l'attività magari in previsione di una possibile Grexit, gli illuminati?
      Il CO2 è invisibile a chi non ne vuole vedere gli effetti.

      Elimina
  6. Non è un problema sig. Bardi a parte che con la sua risposta ho capito che gente che la pensa come me da solo fastidio, e fastidio per cosa? Perché è una cosa scomoda? Perché non si vuole aver tempo di confrontarsi ed argomentare prendendo in considerazione tutte le ipotesi e le prove che se si và a cercarle ne saltano fuori a bizzeffe. E invece no all'ennesima scia ci si divide in 2 chi dice : Mah.... Mi pare strano... Peró a guardalo bene sto cielo me pare quello de Windows 95 non lo ricordavo così quando ero giovane! E invece chi dice: Ma qua só tutti matti vale a dire chi se ne frega!! È ovvio che uno che parla delle scie chimiche suona come un disco rotto, stiamo ad assomigliare a quelli del riscaldamento globale ormai... Rinnovo il mio invito di osservare il cielo ed a farsi un'idea propia senza consultare per una volta la rete... Fà paura vero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne sei accorto anche tu che siete peggio dei testimoni di giovacchino.

      Elimina
    2. Michele: "stiamo ad assomigliare a quelli del riscaldamento globale ".
      No, quelli come te si perdono a guardare la corteccia illusoria di un albero e perdono di vista la realtà della foresta.

      Elimina
  7. Se non ricordo male, il primo trimestre 2015 è stato il primo trimestre più caldo mai registrato. Cosa dicono i dati riguardo ai mesi successivi?

    RispondiElimina
  8. Michele avete rotto il ca..o con le scie chimiche. Siete complici di quello contro cui lottate. Ma guardati cose semplici come flightradar24 per capire quanti ne girano in più oggi rispetto a 30-40-50 anni fa. E prova a capire che non possono milioni di persone coinvolte nella gestione degli aerei partecipare ad un complotto globale. Provaci, magari ti accorgi che siamo nella merda per altri motivi..... e cominci anche tu a ragionare su come uscirne.

    RispondiElimina
  9. Se si e' innescata una configurazione di blocco, la durata media di questa struttura e' di circa 25-35 giorni.

    Ma puo' durare anche di piu', se siamo sfortunati.

    RispondiElimina
  10. Ciao Ugo,
    volevo segnalarti un blog dove si parla di kitegen.
    Sia del kitegen di Delft, sia del kitegen all'italiana.
    https://sotospeakabout.wordpress.com/2015/07/05/up-through-the-atmosphere-up-where-the-air-is-clear-fly-a-kite-ii/
    Siete tutti i benvenuti.
    ciao,
    mW

    RispondiElimina