Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


sabato 11 aprile 2015

Livelli di metano inizio 2015

Da “Arctic News”. Traduzione di MR

Di Sam Carana

L'immagine sotto mostra le letture medie più alte di metano nello stesso giorno, in questo caso il 10 marzo, in tre anni diversi, 2013, 2014 e 2015, ad altitudini prestabilite. Il confronto indica che l'aumento di metano in atmosfera sta accelerando, specialmente ad altitudini maggiori.




La tavola sotto mostra le altitudini equivalenti in mb (millibar e piedi (p).



Questo aumento dei livelli globali medi di metano appare andare a braccetto con letture molto più  alte dei picchi, specialmente ad altitudini maggiori.


Dal primo gennaio a 20 marzo 2015, i livelli di metano hanno raggiunto livelli di 2619 parti per miliardo (ppmd) (il 12 gennaio 2015), mentre il picco medi dei livelli è stato di 2373 ppmd. All'inizio dell'anno, i livelli globali medi di metano raggiungono tipicamente il loro punto più basso, mentre i livelli medi vengono raggiunti tipicamente a settembre. I livelli giornalieri medi globali più alti di metano del periodo dal primo gennaio al 20 marzo 2015 sono andati da 1807 ppmd (6 gennaio 2015) a 1827 ppmd (5 marzo 2015).

Un ulteriore studio delle località con alti livelli di metano indica che gran parte del metano aggiuntivo sembra avere origine dal rilascio ad altitudini maggiori dell'Emisfero Nord, in particolare dall'Oceano Artico, da dove col tempo discende verso l'equatore (il metano si sposterà tipicamente più vicino all'equatore col tempo, in quanto sale di altitudine, come discusso in questo post precedente).

La più grande fonte di metano addizionale sembrano essere le emissioni dal fondo del mare dell'Oceano Artico. Le emissioni annuali dagli idrati sono state stimate in 99 Tg annuali in un post del 2014 (immagine sotto).


L'immagine sotto, basata sui dati dell'IPCC e della World Metereological Organization (WMO), con un'osservazione aggiunta da un'immagine del satellite MetOp del NOAA, illustra il recente aumento dei livelli di metano e la minaccia che i livelli di metano continuerà ad aumentare rapidamente.



Cosa causa le eruzioni di metano?

Le eruzioni di metano dal fondo dell'Oceano Artico sembrano essere causate principalmente dall'aumento del calore dell'oceano che viene portato dalla Corrente del Golfo nell'Oceano Artico. L'immagine sotto mostra le temperature della superficie del mare di 20,9°C (cerchio verde a sinistra) registrata al largo della costa del Nord America il 14 marzo, un'anomalia di 12,3°C. 


Inoltre, sia le eruzioni di metano dal fondo dell'Oceano Artico sia la scomparsa del ghiaccio marino dell'Artico e della copertura nevosa sono retroazioni che possono interagire ed amplificarsi a vicenda in modi non lineari, con conseguenti aumenti rapidi ed intensi della temperatura, come illustrato nell'immagine sotto.


Schema della sventura – per ulteriori sfondi, vedete le retroazioni 

Di quanto potrebbero aumentare le temperature?

La cosa preoccupante è che una tendenza non lineare è contenuta anche nei dati della temperatura che la NASA ha raccolto negli anni, come descritto in un post precedente. Una linea di tendenza polinominale indica anomalie della temperatura di oltre 4°C per il 2060, Ancora peggio, una tendenza polinominale per l'Artico mostra anomalie della temperatura di oltre 4°C per il 2020, 6°C per il 2030 e 15°C per il 2050, minacciando di causare l'intervento di grandi retroazioni, compresi cambiamenti dell'albedo e rilasci di metano che innescheranno un riscaldamento globale fuori controllo che alla fine sembra destinato a raggiungere il riscaldamento accelerato dell'Artico portando ad anomalie della temperatura globale di 16°C per il 2052.



Azione

La situazione è terribile e richiede un'azione complessiva ed efficace, come discusso sul blog Climate Plan.

17 commenti:

  1. fosse vero, come faranno queste beghine malate di nevrosi compulsiva da acquisti? Ma la colpa non è tutta loro. Togliere valori e virtù e poi dare beni di consumo è stato fin troppo facile.

    RispondiElimina
  2. Il fit dell'ultima figura e' completamente assurdo e scredita il resto dell'articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché è completamente assurdo ?
      ( A me non sembra completamente assurdo .... )

      Gianni Tiziano

      Elimina
    2. Fabio è parte di un gruppo di tizi che si sono auto-convinti che stiamo andando verso un'era glaciale. Allora, disperatamente, si attaccano a tutto pur di negare che la terra si sta riscaldando. Prima o poi, lasceranno perdere; ma ancora insistono.

      Elimina
    3. Adesso sono più tranquillo, per un verso, e più inquieto per un altro.
      Temevo che questo Fabio 12 aprile 2015 05:43 fosse una punta di diamante della climatologia di cui non avevo ancora sentito parlare.
      Ora temo che non essendolo, le cose stiano proprio come il saggio di sam camare prospetta.

      Marco Sclarandis

      Elimina
    4. Per quelli che continuano a mandare commenti in cui fanno finta di essere esperti di fitting di dati, lasciate pure perdere. Le tecniche di offuscazione ormai qui le riconosciamo subito.

      Elimina
  3. Le conclusioni di Sam Carana, da lui dedotte partendo dai dati disponibili della Nasa, sono terribili.
    A causa dei rilasci del metano, prevede un aumento della temperatura globale di 16 gradi Celsius per il 2052, se non si fa alcuna azione per cambiare la tendenza.
    Prevede che le morti di esseri umani, collegate ai cambiamenti climatici, saranno 100 milioni all'anno nel 2035, 200 milioni all'anno nel 2040, 400 milioni all'anno nel 2045, 600 milioni all'anno nel 2050.
    Praticamente l'estinzione della nostra specie, Homo Sapiens, entro il 2050.
    Questo se non si fa nessuna azione per cambiare la tendenza.
    .----
    Se fosse così, io penso che nel 2035 non circolerà sulle strade nessun mezzo a motore, nessun aereo volerà, nessun treno viaggerà e nessuna nave a motore solcherà i mari.
    A che serve quindi, ora, costruire superstrade, treni ad alta velocità, gallerie che spaccano le falde acquifere, supernavi lunghe 400 metri che trasportano ognuna 18 mila containers e la costruzione delle relative strutture per la loro accoglienza ?
    A che serve scavare un secondo canale che colleghi i due oceani Atlantico e Pacifico, di 275 chilometri in Nicaragua, come previsto nell'accordo fra i cinesi ed il governo del Nicaragua, da ultimare entro il 2019 ?
    Solo ad accelerare la tendenza verso l'autoannientamento.

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno nega il cambiamento climatico...
      però non prendete per ORO tutto ciò che leggete!
      La temperatura media terrestre è intorno ai 15°C, una anomalia di 16°C equivale a portare la temperatura media a 31°C.
      Una temperatura così alta non c'è mai stata sulla Terra,
      neanche nel Paleozoico, dove la CO2 variava da 4500 ppm a 7000 ppm (un'ordine di grandezza maggiore di quello attuale).

      Le retroazioni ci sono sia positive che negative.
      In questo articolo si suppone che siano tutte positive e che si amplifichino sempre.

      Gli darei scarsa credibilità.

      Mi sembra come quella persona che vendeva verdure e in televisione diceva che per stare bene, bisognava mangiare verdure 14 volte al giorno (quartodici!!!!)

      P.S: 20 anni fa il picco di temperatura all'ombra a casa mia è stato di 45°C, fu l'anno che comprai il climatizzatore (mi costò un sacco di soldi, era il periodo in cui costavano tanto).
      Da allora, a casa mia non siamo più andati oltre i 38°C.

      Elimina
  4. IPSE DIXIT, Gianni Tiziano.
    D'altra parte non si chiama mica Sam Camara, ma Fabio 12 aprile 2015 05: 43.
    Andate a vedere il suo blog.
    Se ci degnerà di una spiegazione, sapremo.Se no ci rassegneremo.
    Ovvio che delle previsioni così tremende suscitano il rifiuto istintivo della realtà preconizzata.
    Esattamente come quando si cominciò a parlare dei lager nazisti e gli annessi forni crematori.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  5. Strana situazione. Il catastrofismo del GW è il pensiero maggioritario, tutti i media ne parlano, si studia a scuola, fioriscono gli studi che più o meno ne provano la fondatezza scientifica. Ma non c'è il più piccolo accenno di politiche globali che lo contrastino, anzi si accelera ancora di più sul pedale del BAU. Gli scienziati del clima pro GW sembrano come l'orchestrina del Titanic/clima mentre affonda. Che tristezza...

    RispondiElimina
  6. A me non è chiara un cosa...a noi cosa importa che la temperatura aumenta? moriranno milioni di persone? e allora? tanto tra 100 anni saremo comunque tutti morti!! Oppure tra qualche miliardo di anni ci penserà il sole a far scaldare il pianeta fino a distruggerlo. Come vedete siamo comunque destinati ad essere riscaldati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante il quesito che poni.
      Io rispondo per me stesso, per le motivazioni del mio interesse a che la Terra sia riscaldata nel modo giusto.
      .----
      Motivazioni :
      .- per amore delle cose belle, per amore della Natura, non posso non cercare di capire come stà il pianeta Terra che amo tanto.
      .- capito che stiamo alterando gli ecosistemi che permettono la vita (una delle cause è l'aumento della temperatura), cerco di capire il perchè ci stiamo comportando in questo modo distruttivo, e se c'è un modo di smettere di fare ciò e ritornare ad essere rispettosi della Natura.
      .- per un senso di giustizia, tutta la Bellezza della Natura che ho goduto, desidero la possano godere anche le generazioni che vengono dopo la mia.
      .- Per rispetto verso le altre forme di vita che non sono umane.
      .- perchè nella Natura vedo Dio.

      Gianni Tiziano

      Elimina
    2. Adoperare un cinismo da bar come fa Anonimo 12 aprile 2015 22:17 serve anche ad occultare emozioni sgradevoli, come quella di sentirsi impotenti di fronte alla sciuagura imminente.
      Peccato che sia energia pressochè sprecata pure quella.

      Marco Sclarandis

      Elimina
    3. Capisco la disperazione, ma non è nemmeno il caso di esagerare!

      Elimina
    4. A parte la disperazione, comunque, non c'è bisogno di aspettare 100 anni per beccarsi gli effetti del cambiamento climatico. Basta abitare in california, oggi.

      Elimina
    5. Oppure abitare in Italia e vederne di anno in anno i tanti inequivocabili effetti.
      Ma, chi lo sa, che Anonimo 12 aprile 2015 22:17 non stia applicando invece l'atteggiamrnto più apprpropriato ai tempi?
      Vista la sciatteria e l'inettitudine con cui viene trattato il territorio patrio............

      Marco Sclarandis

      Elimina
  7. Beh, dove vivevo fino a qualche anno fa (Abruzzo centrale) un picco di calore era intorno ai 36°, ora siamo intorno i 43°...

    RispondiElimina