Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 5 gennaio 2015

Zone morte nei mari: sempre più diffuse

Da “CBC News”. Traduzione di MR (h/t Alexander Ač)

Il riscaldamento globale aumenta la diffusione di zone morte nei mari e nei fiumi

Il dilavamento dei fertilizzanti e il riscaldamento intasano l'acqua di nutrienti e sottraggono ossigeno alla vita acquatica




Un'anatra nuota nella Green Bay del Lago Michigan nei pressi di un cumulo di alghe. La baia è uno dei tanti bacini d'acqua che hanno sviluppato zone morte, aree in cui il dilavamento di fertilizzanti e acque reflue ha creato livelli eccessivi di nutrienti che accumulano microbi ma sottraggono ossigeno alla vita acquatica. Un nuovo studio ha scoperto che il riscaldamento globale peggiora il problema delle zone morte. (Jim Matthews/Press-Gazette/Associated Press)

Il riscaldamento globale gioca probabilmente un ruolo maggiore di quanto ritenuto precedentemente nelle zone morte in oceani, laghi e fiumi nel mondo e peggiorerà soltanto, secondo un nuovo studio. Le zone morte si verificano quando il dilavamento di fertilizzanti intasano le vie d'acqua con nutrienti, come l'azoto e il fosforo. Ciò porta ad un'esplosione di microbi che consumano ossigeno e ne esauriscono la sua presenza nell'acqua, danneggiando la vita acquatica. Gli scienziati sanno da tempo che l'acqua più calda peggiora questo problema, ma in un nuovo studio pubblicato lunedì sulla rivista Global Change Biology dello Smithsonian, i ricercatori hanno scoperto circa due dozzine di modi diversi – biologicamente, chimicamente e fisicamente – in cui il cambiamento climatico peggiora l'esaurimento di ossigeno. “Abbiamo sottostimato l'effetto del cambiamento climatico sulle zone morte”, ha detto l'autore principale dello studio Andrew Altieri, un ricercatore del centro tropicale dello Smithsonian a Panama.

Riscaldamento nel Golfo di St. Lawrence

Il riscaldamento globale aggrava il problema dell'esaurimento
dell'ossigeno causato dal dilavamento perché le acqua più calde
contengono meno ossigeno. L'eccesso di microbi e la mancanza
di ossigeno nelle zone morte danneggiano i pesci
e l'altra vita acquatica.
(Andrew Altieri/Smithsonian Institution/ Associated Press)
I ricercatori hanno esaminato 476 zone morte in tutto il mondo – 264 negli Stati Uniti. Hanno scoperto che i modelli climatici computerizzati standard prevedono che, in media, la temperatura di superficie intorno a queste zone morte aumenterà di poco più di 2°C dagli anni 80 e 90 alla fine di questo secolo. Il maggior riscaldamento previsto è di circa 4°C dove il fiume St. Lawrence si riversa nell'oceano in Canada. Le zone morte più importanti degli Stati Uniti, il Golfo del Messico e la Baia di Chesapeake, è previsto che si riscaldino rispettivamente di 2,3°C e 2,7°C. L'acqua più calda, che contiene meno ossigeno, si aggiunge al problema del dilavamento, ha detto il coautore Keryn Gedan, che lavora sia allo Smithsonian sia all'Università del Maryland. Ma l'acqua più calda condiziona le zone morte anche mantenendo l'acqua più separata, così che l'acqua profonda povera di ossigeno si mescola di meno.

“E' come una salsa italiana che non avete agitato, in cui l'olio e l'acqua sono separati”, ha detto Altieri. Quando l'acqua si riscalda, il metabolismo della vita acquatica aumenta, facendogli richiedere più ossigeno proprio mentre i livelli di ossigeno stanno già diminuendo. Altri modi in cui il cambiamento climatico condiziona le zone morte sono le estati più lunghe, l'acidificazione dell'oceano e il cambiamento degli schemi di venti e correnti, dice lo studio. Donald Boesch, un ecologo dell'Università del Maryland che non ha fatto parte dello studio e lavora in un altro dipartimento rispetto a Gedan, ha detto che non ci sono prove sufficienti per dire che il cambiamento climatico ha già giocato un ruola così grande nella diffusione delle zone morte. Ma ha detto che lo studio ha probabilmente ragione nell'avvertire che il riscaldamento futuro renderà il problema anche peggiore.

2 commenti:

  1. OT:
    Volevo solo ringraziare Massimiliano Rupalti per l'instancabile lavoro che fa per molte persone! Non è scontato, anzi!!!
    AMM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo vuoi ringraziare, cosa a cui mi associo, perché non metti nome e cognome.
      Guarda che per un ringraziamento non si rischia la denuncia!

      Elimina