Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 5 gennaio 2015

Il mistero del metano marino

Da “Scientific American”. Traduzione di MR









Misterioso metano sul fondo del mare al largo della costa di Washington  comincia a fondersi

Gli scienziati sondano gli oceani al largo della Costa Ocidentale e vedono segni di una fusione di metano ghiacciato di dimensioni analoghe a quella della perdita di petrolio della BP

Di Gayathri Vaidyanathan e ClimateWire





Il riscaldamento dell'Oceano al largo dello Stato di Washington potrebbe destabilizzare i depositi di metano sul fondo dell'oceano e innescare un rilascio del gas serra in atmosfera. Foto: Sam Beebe via Flickr

Il riscaldamento dell'Oceano Pacifico al largo dello Stato di Washington potrebbe destabilizzare i depositi di metano sul fondo del mare ed innescare un rilascio di gas serra in atmosfera, secondo un nuovo studio pubblicato su Geophysical Research Letters. Nello scenario peggiore, se gli oceani si scaldano fino a 2,4°C per il 2100, il volume di metano rilasciato ogni anno per il 2100 quadruplicherebbe la quantità della perdita di petrolio della Deepwater Horizon, stima lo studio. In gioco ci sono gli idrati di metano, che sono complessi di metano intrappolati nel ghiaccio sepolti sotto i fondali dell'oceano. Gli idrati si trovano in tutti gli oceani del mondo e vengono conservati da acqua fredda e da immense pressioni. Ma quando gli oceani si scaldano, gli idrati vengono destabilizzati e il metano liberato.

Il metano è un gas serra significativo, con un potenziale di riscaldamento globale di 86 volte quello del CO2 su una scala temporale di 20 anni. Alcuni scienziati temono che un rilascio significativo dagli oceani possa inasprire il cambiamento climatico. “Gli idrati di metano sono delle riserva molto grandi e fragili di carbonio che può essere rilasciato se cambiano le temperature”, ha detto in una dichiarazione Evan Soloman, un ricercatore  dell'Università di Washington. “All'inizio ero scettico, ma quando abbiamo visto le quantità, la cosa è significativa”. Altri studi hanno osservato un potenziale rilascio di metano nell'Oceano Artico, ma questo è il primo a studiare il rilascio a latitudini più basse.

Bolle di gas risalgono dalle profondità

Lo studio si concentra sulla pendice continentale superiore al largo di Washington in una regione della piattaforma chiamata “margine di Cascadia”. Lì l'oceano si è riscaldato, probabilmente a causa a causa di una corrente che porta acqua dal Mare di Okhotsk che si trova fra Russia e Giappone. Il mare si è riscaldato nell'ultimo mezzo secolo. Usando le temperature dell'oceano fino ad una profondità di 200 metri registrate fra il 1970e il 2013, gli scienziati hanno modellato la quantità di metano che è stato rilasciato storicamente. Le stime preliminari hanno suggerito potrebbero essere stati rilasciati 4,35 teragrammi (4,35 miliardi di kg) di metano all'anno, lungo il margine di Cascadia. Ciò eguaglia il rilascio della perdita di petrolio della Deepwater Horizon del 2010, scopre il rapporto. Gli scienziati hanno anche proiettato il rilascio di metano in futuro ipotizzando che l'oceano si riscaldi da 0,88 a 2,4°C per il 2100. Mentre l'oceano si scalda, il rilascio di metano quadruplicherebbe, suggerisce lo studio. Il metano rilasciato potrebbe essere ingerito da batteri, ma parte di esso potrebbe finire in atmosfera ed accelerare il cambiamento climatico. Gli scienziati avvertono che le loro stime sono preliminari, perché si sa ancora poco sul volume di idrati di metano e la loro densità a Cascadia. Serve ulteriore ricerca per capire meglio la portata del problema, dichiara lo studio.

8 commenti:

  1. Avevo sempre sentito dire che il GWP del metano era circa 20/25... Quì 86 ma su 20 anni? Se è semplice posso chiedervi la spiegazione? e quindi N2O, CFC su 20 anni?
    grazie!

    A.M.

    RispondiElimina
  2. Col rischio di sollevare di nuovo un vespaio,
    vi dico che le notizie impacchettate in questo modo servono solo per far credere una cosa sbagliata alle persone.

    1) Tanto per iniziare a largo dello Stato di Washington c'è l'oceano Atlantico e non il Pacifico.

    2) L'effetto serra del Metano nell'arco di 20 anni la vadano a raccontare a qualcun altro...
    il metano nell'atmosfera in soli 12 anni si trasforma in CO2.

    3) 4,35 Miliardi di Kg sono 4,35 M t di metano; se paragonate ai 35 Gt di CO2 emesse annualmente dall'attività umana, sono meno di niente!

    "Serve ulteriore ricerca per capire meglio la portata del problema, dichiara lo studio."

    E meglio che continuate a studiare, perché mi sa che vi serve molto!

    Scusate il mio tono, ma certe cose preferirei non leggerle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandro, lo vedi che scrivi le cose senza pensarci sopra prima? Ti pare che una rivista come lo "Scientific American" confonda li Pacifico con l'Atlantico? Infatti, "Stato di Washington" è la traduzione di "Washington State", che si trova proprio sull'Oceano Pacifico. Da non confondere con "Washington D.C." ovvero "district of Columbia", che invece sta sull'Atlantico.

      Ovvero, non per farti le pulci, ma se vuoi che qualcuno ti prenda sul serio, devi starci più attento.




      Elimina
    2. Sono stato un pò precipitoso, lo ammetto; dovute al fatto che avevo visto troppe cose che non quadravano.

      Elimina
    3. Vedi di starci più attento da ora in poi... :-) . Nel frattempo, puoi provare a rispondere tu ad A.M.. Cerca un po' di dati e chiarisci la faccenda del metano. A occhio, mi sa che Scientific American abbia ragione, ma è sempre bene controllare

      Elimina
    4. Mi pare che i dati siano corretti: secondo l'ultimo Rapporto IPCC il GWP del metano è 86 per vent'anni e 34 se consideriamo un orizzonte temporale di un secolo.

      Sempre secondo lo stesso Rapporto - per rispondere alle altre domande di A.M. - il GWP dell'N2O è 268 per vent'anni e 298 per un secolo. CFC: 7020 per vent'anni e 5350 per il secolo.

      Elimina
    5. Nello stesso rapporto a pag. 713 c'é scritto che in molti studi effettuati, l'incertezza dei valori trovati variava dal 5% al 95%!
      Della serie, sembriamo ancora al livello pionieristico dello studio sugli effetti dei gas sull'ambiente.
      Nella Tab. 8.7 a pag. 714 riportano che la vita del metano nell'atmosfera è di 12,4 anni.
      Per riportare quei valori di GWP così alti, penso che abbiano considerato anche molti effetti indiretti, ma non ho trovato nessuna spiegazione di come essi si ottengano per 20 anni e 100 anni, visto che la vita media del metano nell'atmosfera è molto più bassa.

      Forse si dovrebbero leggere tutte le 1552 pagine del WG1 AR5...

      Elimina
  3. Altro buon articolo di qualche mese fa' sulle emissioni di metano in diversi posti.....e con diversi links:

    http://robertscribbler.wordpress.com/2014/08/27/is-human-warming-releasing-a-global-methane-monster-570-methane-plumes-discovered-on-atlantic-ocean-sea-floor/

    RispondiElimina