Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 29 ottobre 2014

La versione romena di "Extracted"



La presentazione "ufficiale" del libro si terrà oggi a Bucharest. Con la sponsorizzazone della sezione romena del Club di Roma


4 commenti:

  1. Se "Epuizata" vuol dire lo stesso che "Epuisee" in Francese....(exhausted in English)....il che in Italiano si potrebbe tradurre bene come "stanco morto"....(oppure "esaurito" il che pero e' meno "metaforico") ...il titolo MI PIACE..... perche' credo che il pianeta a questo punto sia DAVVERO MOLTO STANCO di tutto cio che gli abbiamo fatto, gli stiamo facendo, e senza dubbio continueremo a fargli, e di tutti noi. Si sarebbe anche potuto tradurre (ma in romeno) "il pianeta si e' rotto di essere rotto".

    RispondiElimina
  2. Tutte le lingue, anche quelle antiche e morte... fuorché l'Italiano! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sulla versione in Sumero ci stiamo lavorando...

      Elimina
  3. oggi un mio conoscente ha fatto un bonifico a Bucarest per farsi mandare un treno di gomme per il suo gippone a quasi metà del prezzo nazionale, ma il consumo di risorse non è lo stesso, perchè queste devono essere trasportate in Italia. E così pure per tutte quelle cianfrusaglie inutili fatte a migliaia di km, ma più accettate dai commercianti, perchè più guadagnose. Speriamo che abbia ragione la Tveberg, cioè che il prezzo attuale del petrolio porterà nel giro di un par d'anni a farlo mancare, così almeno risparmieremo all'ambiente molti mln di ton di inquinanti. Intanto stamane in azienda hanno fatto un corso per aumentare le vendite, dato che da noi i clienti sono diminuiti del 12% anno. Come pure alla Coop, all'Esselunga e all'Outlet, hanno detto. Che stanno mettendo in atto strategie di recupero, con ovvie dispersioni di energie, che noi sappiamo inutili, perchè la via è segnata, ma mi dispiace vedere che i miei colleghi ne sono affascinati, ubriacati come sono dalle logiche consumistiche. Cambiare le teste non è possibile, specie dopo 50 anni di paraocchi. Mi ricordano un pò gli asini di una volta, con le fettucce di pelle sugli zigomi messe lì per non farli distrarre dalla strada voluta dal padrone.

    RispondiElimina