Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 29 maggio 2014

Sta per scoppiare la bolla del gas di scisto

Da “NEO”. Traduzione di MR

Di F. William Engdahl

A leggere i titoli dei giornali sembra che gli Stati Uniti siano emersi dal nulla al punto da diventare il gigante mondiale della produzione di gas e petrolio. Tutto grazie alla Rivoluzione dello Scisto. Di recente il presidente Obama ha fatto molto rumore secondo il quale gli Stati Uniti potrebbero risolvere la dipendenza dell'Ucraina dal gas russo a causa della crescita spettacolare dell'estrazione di gas naturale e, più di recente, del petrolio dalle formazioni rocciose di scisto in tutti gli Stati Uniti. C'è solo una cosa sbagliata in questo quadro: “Non succederà...”.

I numeri apparenti in effetti sono impressionanti per un profano o per un politico. Secondo i dati della IEA del governo statunitense, fra il 2005 e il 2010 il contributo del gas di scisto al totale della produzione di gas di mercato è salita da meno del 2% a più del 20%. E il 2011 ha costituito un record assoluto per la produzione statunitense, grazie alla crescita del gas di scisto.

Tuttavia, il gas di scisto proviene da un numero ridotto di aree con formazioni di pietra di scisto significative e sfruttabili che hanno intrappolato gas e petrolio negli interstizi delle rocce di scisto sedimentarie. Le principali aree del gas di scisto sono nella formazione di Barnett in Texas. Il bacino di Fort Worth; le formazioni di Fayetteville e Woodford del bacino di Arkoma in Arkansas e Oklahoma; la formazione Haynesville al confine fra Texas e Louisiana; la formazione Marcellus nel bacino degli Appalachi e quello sfruttato più di recente, la formazione di Eagle Ford nel Texas sudoccidentale.

Due parametri largamente usati nel descrivere le prestazioni dei pozzi di scisto sono il tasso di produzione iniziale (PI) e il tasso di declino della produzione, che insieme determinano la sostenibilità economica. Un gruppo dell'università del MIT in Massachusetts ha effettuato un'analisi dei dati di produzione delle grandi regioni di scisto statunitensi. Ciò che hanno scoperto è sorprendente. Mentre la produzione iniziale da gran parte degli impianti di gas di scisto erano insolitamente alti, una componente essenziale della campagna pubblicitaria della bolla del gas di scisto di Wall Street, le stesse regioni del gas sono declinate drammaticamente entro un anno. Hanno scoperto che “in generale, la produzione di un pozzo di scisto tende a diminuire del 60% o più rispetto ai livelli del tasso di Produzione Iniziale nell'arco dei primi 12 mesi. La seconda cosa è che i dati della produzione a più lungo termine disponibili suggeriscono che il livelli di declino della produzione negli anni successivi sono moderati, spesso meno del 20% all'anno”.

Tradotto, ciò significa in media che dopo solo quattro anni si ha solo il 20% del volume di gas iniziale disponibile da un dato investimento in trivellazione orizzontale col fracking. Dopo sette anni, solo il 10%. Il volume reale del boom del gas di scisto è apparso nel 2009. Ciò significa che i giacimenti in cui erano presenti trivellazioni significative dal 2009 sono già drammaticamente esauriti del 80% e presto del 90%. Il solo modo in cui i trivellatori di petrolio e gas sono riusciti a mantenere il volume di produzione è stato trivellare sempre più pozzi, spendendo sempre più soldi, incamerando sempre più debito nella speranza di un netto aumento del depresso prezzo interno del gas statunitense. Complessivamente, le aziende di energia da scisto hanno speso più di quanto stiano facendo di profitto netto, creando una bolla di debito obbligazionario “spazzatura” per mantenere in piedi il gioco dello schema Ponzi. Quella bolla scoppierà nel momento in cui la FED suggerirà che i tassi di interesse devono crescere, o persino prima.

L'industria cerca forsennatamente di pompare le prospettive della rivoluzione dello scisto. Uno dei più espliciti di recente è stato Ryan Lance, AD di Conoco/Philips. Facendo un'analogia col baseball, ha recentemente detto ad una conferenza sull'energia a Houston che la “rivoluzione” del gas di scisto nel paese è solo all'inizio e che dovrebbero esserci rimasti diversi decenni di produzione energetica di successo: “Siamo al primo inning di una partita di 9 inning sulla rivoluzione dello scisto negli Stati Uniti. Non ha chiarito quale collegamento scientifico ci fosse fra il baseball e il gas di scisto.

La realtà del boom del gas di scisto viene sempre più mostrata essere molto diversa. Secondo Artur Berman, un geologo petrolifero con 34 anni di esperienza che ha studiato la produzione ed altri aspetti del boom del gas e del petrolio di scisto, “le previsioni mostrano che la produzione negli impianti di scisto, da Bakken nel Nord Dakota a Eagle Ford in Texas, raggiungerà il picco intorno al 2020. Coloro che investono con l'aspettativa che il boom durerà per decenni sono 'parecchio fuori strada'”.

Per essere concreti, le maggiori formazioni di scisto negli Stati Uniti, e non ce ne sono tantissime geologicamente parlando, cominceranno un declino assoluto della produzione in meno di sei o sette anni. A differenza dei giacimenti di gas e petrolio convenzionali, lo scisto è un modo non convenzionale e difficile di estrarre energia attraverso la fortemente controversa e tossica pratica del “fracking”, o fratturazione idraulica delle formazioni di scisto. Visto che lo scisto è disposto orizzontalmente, il perfezionamento delle nuove tecniche di perforazione orizzontale negli anni 90 hanno per la prima volta aperto prospettive commerciali al gas di scisto.

Il fracking sulla Formazione di Bakken in Nord Dakota

La fratturazione idraulica è composta dal pompaggio di un fluido di fratturazione – tipicamente fortemente tossico ed esentato, grazie all'influenza sul Congresso dell'allora vice presidente Cheney, dai vincoli dalla Legge sull'Acqua Pulita dell'EPA – nel pozzo ad un tasso sufficiente ad aumentare la pressione in fondo al foro nella zone designata. La roccia si spacca e il fluido di fratturazione procede ulteriormente nella roccia, estendendo ulteriormente le spaccature e così via. Spesso fino al 70% del fluido del fracking tossico fuoriesce e in molti casi in Pennsylvania e altrove è filtrato nelle acque di falda.

Persino la EIA prevede che la produzione di petrolio statunitense raggiungerà il picco a 9,61 milioni di barili al giorno nel 2019. Vedono il tight oil o il petrolio da scisto raggiungere i 4,8 milioni di barili nel 2021. E' solo fra sette anni. E se il governo degli Stati Uniti sta cercando di accelerare l'approvazione dei terminal per l'esportazione del GNL (Gas Naturale Liquefatto) sui porti della costa per permettere alle aziende degli Stati Uniti di esportare il loro gas, il completamento di tali complessi terminal includono le approvazioni degli impatti ambientali, che di solito richiedono sette anni. Hmmmm.

I soldi facili di Wall Street

Nessuno si aspetta che il presidente degli Stati Uniti abbia il tempo o il retroterra scientifico per approfondire le complessità geofisiche dell'energia da scisto. Naturalmente si affida a consiglieri competenti. E se i consiglieri, al posto di essere competenti, come in molte agenzie governative oggi, sono sotto l'influenza (e forse a volte sono anche pagati) delle aziende di energia da scisto e dei loro banchieri di investimento di Wall Street che hanno centinaia di miliardi di dollari in gioco nel promuovere la montatura dello scisto?

L'attuale boom dello scisto statunitense è stato pompato con gli steroidi, altrimenti conosciuti come "infiniti alleggerimenti quantitativi e politica di interessi a tasso zero", una situazione che non mostra segni di voler tornare a livelli di tassi di interesse normali, in quanto l'economia continua ad essere depressa dal collasso della cartolarizzazione dei mutui dell'edilizia del 2007. Infatti, i trivellatori dello scisto sono capaci di mantenersi nell'affare solo perché Wall Street ed altri investitori continuano a tirar loro dei soldi come se cadessero dagli alberi. Tim Gramatovich, responsabile degli investimenti per la Peritus Asset Management LLC, un fondo di 800 milioni di dollari, osserva: “C'è molto aiuto finanziario ora che viene bevuto dagli investitori. Le persone perdono la propria disciplina. Smettono di fare i calcoli. Smettono di fare i conti. Stanno semplicemente sognando il sogno ed è questo che sta accadendo col boom dello scisto”.

Dato l'infinito regime di tasso di interesse zero della FED, i fondi di investimento sono alla disperata ricerca di investimenti che rendano un interesse maggiore. Sono così disperati che versano soldi nelle aziende di gas di scisto, o nel petrolio di scisto o nel tight oil, come mai prima. Le aziende lavorano in perdita, cariche di debiti e le agenzie di rating valutano il loro debito come “spazzatura”, che in una recessione di mercato sono a rischio di default. Un'azienda di questo tipo, la Rice Energy, ha venduto le sue azioni in aprile con un rating di CCC+ da parte di Standard & Poor’s, sette gradini al di sotto del Investment Grade. Ciò è al di sotto del livello di rischio/qualità che è permesso comprare ai grandi investitori, come fondi pensione e compagnie di assicurazione. S&P dice che il debito valutato nella gamma CCC è “attualmente vulnerabile al non pagamento”. Nonostante questo, la Rice Energy è stata in grado di ottenere prestiti ad un tasso sorprendentemente basso del 6,25%.

“Questo è un affare da cubetto di ghiaccio che si scioglie”, ha detto Mike Kelly al Global Hunter Securities di Houston. “Se non aumenti la produzione, muori”. Delle 97 aziende di esplorazione e produzione energetica valutate da S&P, 75 sono “spazzatura” o al di sotto dell'Investment Grade. La “rivoluzione” dello scisto non è che uno Schema Ponzi mascherato da rivoluzione energetica.

F. William Engdahl è un consulente strategico del rischio e docente, ha una laurea in Scienze Politiche all'Università di Princeton e scrive con successo di petrolio e geopolitica, esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” 


9 commenti:

  1. in base all'anonimo del post di ieri siamo noi che abbiamo frainteso la bolla..
    la realtà è piu complessa e noi non sappiamo niente

    il problema dei mutui subprime è stato solo un sogno di mezz'estate collettivo e le speculazioni selvagge sui derivati (come i CDS) sono solo sogni onirici erotici degli economisti folli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @CD
      il problema dei mutui subprime è stato solo un sogno di mezz'estate collettivo
      Corretto se lo chiami illusione.

      le speculazioni selvagge sui derivati (come i CDS) sono solo sogni onirici erotici degli economisti folli
      Sbagliato, sono stati innanzi tutto dei tentativi, legittimi, di tutela da parte dei banchieri costretti dai politici a prestare i soldi dei loro clienti a persone che mai avrebbero potuto restituirli.
      Poi son degenerati in gioco d'azzardo.

      Manca però la domanda fondamentale: perchè i politici hanno permesso tutto ciò?
      A quale illusione od utopia son corsi dietro?

      Elimina
    2. I politici in realta' non decidono niente. Sono i banchieri e le entita' finanziarie sovranazionali che impongono la loro agenda. Dopotutto sono loro a finanziare le campagne elettorali.

      Elimina
  2. Scricchiolii del PIL negli States...

    http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2014/05/29/economia-usa-si-contrae-pil-a-sorpresa-1-_8e8791c7-f329-474b-8d46-a97c6c340995.html

    RispondiElimina
  3. Speriamo scoppi il prima possibile, così almeno la piantiamo con questa follia del fracking ed evitiamo che venga esportato altrove.

    RispondiElimina
  4. 'ste psicotrappole

    RispondiElimina
  5. le bolle fanno parte dell'economia capitalistica di rapina da sempre, probabilmente sono connaturate coll'animo umano. Penso alla corsa agli schiavi dei romani, dei negrieri per le piantagioni americane, dell'oro del Klondike, dei tulipani olandesi nel '600 o la rincorsa dei telai sempre più veloci e produttivi del pratese, che ho visto nella mia gioventù. Prima o poi scoppiano, meglio prima, perchè non hanno avuto il tempo di far più danni. In fondo sono una delle manifestazioni dell'avidità e dell'egoismo umano, che sono impossibili a sradicare, perchè connesse agli istinti di sopravvivenza e riproduzione, che a loro volta sono espressione di orgoglio e superbia. Per queste ragioni Chiampa disse a Mercalli che le previsioni sul peak oil sono solo cazzate e LTG è stato demonizzato. Non c'è da meravigliarsi: anche Gesù fu messo in croce con l'accusa di operare guarigioni per mezzo di belzebù. Se poi quest'inverno mancherà il gas, sarà colpa delle guerre civili di Libia e Ucraina, quindi di cazzoni libici e russo ucraini che invece di dialogare civilmente per il nostro star bene, si combattono in guerre loro, che non sono state nemmeno lontanamente fomentate ad arte. Forse perchè c'è il peak everythings?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Savoiardi s'accorgeranno presto a quale fossile politico si sono affidati per governare la regione.

      E' un peccato vedere la mia terra d'origine perdersi dietro a chimere impagliate che la Storia sta per rinchiudere in un museo.

      C(hi)ampa Rino che il Pil cresce.

      Marco Sclarandis

      Elimina
    2. Vi canterò la vita tribolata,
      chi non la prova 'un pole immaginare
      e all' inferno un'anima dannata
      un pole avé né spasima, né dolore
      quanto n'ha i' carbonaio e i' tagliatore.
      Esce da casa tutto lieto in cuore,
      si riunisce con diversi compagni,
      lascia la moglie in mezzo a i' dolore

      e i figli scalzi e gnudi come ragni,
      dicendola se vale i' mio sudore
      colla speranza di fa' maggior guadagni,
      colla speranza di fa maggior fortuna,
      n'anderebbe ne i' regno della luna.
      S'incontra una foresta folta e bruna
      gli par d'avé incontrato un grande coro:
      la fabbrica di legni, tera e sassi

      che mi sembra i' ricovero dei tassi.
      Polenda e cacio 'un si doventa grassi,
      pe' risparmiar ne mangio anche pochina;
      lo vende i' formentone a caro prezzo,
      novanta franchi si paga i' quintale,
      oltre di ribollito e sa di lezzo,
      roba sarebbe da dessi a i' maiale;
      tanto se riclamate e gnente vale

      e poi se da qualcheduno siete ascoltati,
      passate da gnoranti e da sfacciati.
      Non s'arrammentan più quegl'affamati
      di quando l'eravamo al pari eguale;
      ora a mangiar lo pan si son trovati,
      son quelli che ci fanno tanto male:
      sfruttono le fatiche ai disgraziati,
      senza coscienza gli rimorde il petto,

      poi hanno que' i' bel dir: "Se tu lavorerai,
      e certo il tuo guadagno ce lo fai;
      fino ad ora senza prezio lavoravi".
      Rispose finalmente i' poveretto:
      "Ben che sia poco quello che mi dai,
      terminare i' lavoro son costretto".
      Lavorà all'aria cruda e a quella molle,
      che nevichi, subissi e tiri vento,

      non curà né procella né tempesta,
      lavorà sempre e non si fa mai festa!
      I' fastidio e l'insetti ci molesta,
      venire e andare è tutto un viavai,
      fra visite e lavori e le cacciate,
      passà senza dormir tante nottate
      i' fastidio e l'insetti che voi onorate,
      e poi vien le giustizie e l'angherie

      dei padroni, se poverette non li vengano usate
      da quei vigliacchi Tolomei e Pie.
      Dai capimacchia si può prencipiare
      di quando lui i' prezzio te lo viene a fare
      ti fa conosce' con tutto i' suo chiaccherare
      d'aver la buona mancia e si contenta:
      a chi ne ruba venti, a chi venticinque e trenta,
      quande n'ha fatti un portafoglio pieno,

      li mette in tasca e a noi ci dà di meno.
      Io mi racchiudo sempre nel mio seno
      e vedo sempre intorno la tempesta,
      voglio esse' sincero e più sereno,
      ma di questo carbonaio voglio far la festa.


      - Lamento del carbonaio e del tagliatore -

      Elimina