Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 28 marzo 2014

Un corollario della legge di Godwin: la “legge delle intenzioni di genocidio”

Da “The frog that jumped out”. Traduzione di MR



Di Ugo Bardi

(immagine da Corellianrun) 

Conoscerete sicuramente la legge di Godwin (conosciuta anche come “reductio ad Hitlerium”), quella che dice che, passato abbastanza tempo, ogni discussione su Internet alla fine porterà qualcuno ad essere paragonato ad Hitler. Questa legge sembra essere forte quasi come i principi della termodinamica e, di recente, l'abbiamo vista applicare al presidente russo - Vladimir Putin – paragonato ad Hitler in un comunicato stampa del segretario di stato americano, Hillary Clinton.

Ma la legge di Godwin sembra avere molte varianti, per esempio la “variante razzista”. Qui vorrei proporre un'altra variante o corollario, una che non nomina necessariamente Hitler o il termine “fascismo”. E la “legge delle intenzioni di genocidio”, che può anche essere chiamata “reductio ad exterminium”. Può essere descritta come segue:

In ogni discussione sulle politiche ambientali prima o poi qualcuno accuserà qualcun altro di intenzioni di genocidio, cioè di pianificare lo sterminio di gran parte della razza umana

Questo sembra si applichi particolarmente quando la politica ambientale discussa ha a che fare con la popolazione. In questa forma, uno dei primi esempi risale alla pubblicazione de “I Limiti dello Sviluppo” nel 1972. Gli sponsor dello studio, il Club di Roma, in seguito sono stati accusati di essere un'organizzazione malvagia dedita allo sterminio di gran parte della popolazione mondiale. E' stato persino accusato di aver creato il virus dell'AIDS proprio a questo scopo. Manco a dirlo, “I Limiti dello Sviluppo” o i membri del Club di Roma non hanno mai raccomandato – o nemmeno lontanamente concepito – niente di simile. Ma la leggenda rimane diffusa come potete vedere digitando per esempio “club di roma” insieme a “sterminio” o “depopolazione” (l'autore intende in inglese, ndt.). Vedete anche un mio post dal titolo “Come sono stati demonizzati I Limiti dello Sviluppo”.

La legge di reductio ad exterminium non si applica solo alla popolazione. Esce fuori più o meno in ogni discussione che coinvolga le politiche ambientali, in particolare quelle collegate al cambiamento climatico. In questo caso, ogno azione progettata per ridurre il danno coinvolto col riscaldamento globale potrebbe essere definito come mirato, in realtà, allo sterminio di gran parte della razza umana. Un recente esempio coinvolge un saggio di Lawrence Torcello, in cui l'autore ha espresso l'opinione secondo la quale:

Abbiamo buone ragioni per considerare il finanziamento di campagne di negazionismo climatico come criminalmente e moralmente colpevoli.

Notate che Torcello ha detto che ciò che andrebbe criminalizzato è solo il finanziamento del negazionismo climatico da parte di coloro che hanno “un interesse finanziario o politico per l'inazione”. Non ha mai detto questo delle persone che esprimono le loro opinioni su questa materia. Ma la “legge delle intenzioni di genocidio” si è immediatamente attivata. Per un rapporto sulla campagna di odio che si è scatenata contro Lawrence Torcello, vedete questo articolo di Graham Redfearn. Ecco un paio di esempi presi dal Web:

Così, cosa accade quando scopriamo che non c'è abbastanza spazio in carcere da nessuna parte per rinchiudere i 2/3 dell'America colpevoli di Blasfemia Climatica? Immagino che saranno necessarie delle esecuzioni, il che quadra con l'intera Agenda 21, una filosofia di ambientalismo come religione proprio bella, visto che questa gente crede che almeno l'80% della popolazione del pianeta debba essere eliminata perché le cose siano sostenibili (link)

e

Qual è l'estensione logica del carcere? Portata al suo estremo, la filosofia di Torcello porta all'esecuzione. Potreste pensare che sia folle, ma sbagliereste. E' così che comincia il fascismo. La filosofia del liberismo evoluto evoluta porta sempre al fascismo. Come si dice, la strada per l'inferno è lastricata di buoni propositi (link

Queste leggi, la legge di Godwin o la reductio ad exterminium, sembrano quasi divertenti, ma ciò che vediamo è la degenerazione totale del dibattito: una vera “reductio ad vituperium”. Saremo mai in grado di mettere in piedi una discussione razionale su un qualsiasi tema importante? Probabilmente no e questa è la vera tragedia in un momento in cui abbiamo un disperato bisogno di trovare un consenso su cosa fare per evitare vari disastri imminenti, compreso il cambiamento climatico.






10 commenti:

  1. Penso che sia il segno della hybris antropocentrica nichilista ed ecocida.
    Se non c'è acqua o pesce a sufficienza, e quindi hai sete o fame, non è perché c'è troppo carico idrico o alimentare rispetto al disponibile, ma è sempre colpa di qualcosa comunque "antropocentrico" (complotti, congetture, nemici vari, etc.).

    Poi ovviamente se non bevi o non mangi, crepi. Allora è colpa dei brutti cattivi cacca diavolo che hanno segnalato il problema, sicuramente devono avere qualche losca intenzione dietro.

    Passano i secoli e gli idioti si concentrano sempre sul dito ignorando la luna.

    RispondiElimina
  2. fatemi capire: ma noi ambientalisti una volta non eravamo dei pericolosi comunisti senzadio e pure giustizialisti? ecco adesso siamo diventati fascisti e abbiamo una religione. Insomma che si decidano.

    Ps: perdonate se sdrammatizzo un po', lo so che non c'è molto da ridere, ma visto che non c'è modo di cambiarli, almeno ridicolizziamoli un po' questi ottusi negs...

    RispondiElimina
  3. Non occorre andare lontani per trovare esempi di "reductio ad Hitlerium".
    L'uso del termine "negazionista" in ambito climatico è perfetto.
    Saluti

    RispondiElimina
  4. Si racconta che:
    Einstein, oltre ad aver scoperto che la velocità della luce è costante nel vuoto,
    scoprì anche che l'intelligenza TOTALE umane nel mondo è costante.
    Da allora, la popolazione è aumentata di 6 volte!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto simpatica, ma se si capisse il senso della frase sopra scritta "le strade per l'inferno sono tutte lastricate di buoni propositi" avremmo risolto la stragrande maggioranza dei problemi di questo mondo.

      Elimina
  5. Viene ormai accettata da almeno un paio di decenni come evidenza scientifica che il virus dell HIV deriva da quello AIV degli scimpanzè: nell'africa centrale, negli anni '60, qualcuno ha usato tessuti di scimpanzè infetti dall ' AIV per coltivare virus di altre patologie per la produzione di vaccini : ergo l'HIV deriva dal tentativo di portare la scienza e la civiltà moderna dove evidentemente la presenza dell'uomo,bianco o nero che sia, dovrebbe essere sporadica e limitata alle popolazioni locali di cacciatori raccoglitori ; questo va ben oltre la questione coloniale : nessuna merce, nessun uomo, nessuna nuova tecnica dovrebbe scendere in Africa al di sotto del 30 parallelo o giù di lì...Per le americhe ,dai suoli e dal clima diverso, metterei questo ipotetico confine dal basso Messico fino a tutto il Brasile.Ricordo che negli altopiani dell'america centrale negli ultimi 40 anni gli antibiotici hanno selezionato forme di tubercolosi multiresistenti che da sole contribuiscono alla metà del rapido declino del rapporto costo benefico sia biologico che sociale degli antibiotici per tutti, anche qui con un "per tutti " bifronte.

    RispondiElimina
  6. queste persone, anche se probabilmente inconsapevoli, sono convinte in buona fede di essere nel giusto e di diffondere idee giuste;
    la loro ignoranza li porta anche a esprimersi in maniera accusatoria e denigratoria, se davvero noi abbiamo capito qualcosa in più dovremmo anche cercare il modo di comunicare il nostro messaggio in modo più efficace, ponendo le basi di fiducia, apertura e ascolto anche dei loro punti di vista, abbandonando momentaneamente il nostro per capire meglio dove affonda la radice del loro pensiero;
    difficile, soprattutto se siamo cresciuti in questa cultura di divisione, ma il futuro, ne sono convinto, ci potrà essere solo se, oltre alle risorse fisiche, troviamo tutti anche quelle morali;
    Guido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "queste persone, anche se probabilmente inconsapevoli, sono convinte in buona fede di essere nel giusto e di diffondere idee giuste;
      la loro ignoranza li porta anche a esprimersi in maniera accusatoria e denigratoria,"

      scusa non ho capito se stai parlando dei "negazionisti" o degli "affermazionisti" .....

      Elimina
    2. ahahah!!
      ciao Pablo, io condivido praticamente tutto quello che viene discusso su questo forum;
      mi rendo conto adesso che il mio intervento poteva essere visto da due prospettive opposte, spero comunque si sia colto il messaggio conciliante che volevo esprimere, al di là di come uno la pensi;
      il tuo intervento evidenzia come per istinto si tenda a volersi distinguere e categorizzare..
      la stessa identica frase, con l'identico messaggio, viene percepita in maniera diversa a seconda che noi apparteniamo all'onda di pensiero dello scrivente o meno;
      ottimo spunto, grazie!! :)
      Guido

      Elimina
  7. Purtroppo è proprio questo il clima in cui sono maturate e sorte le peggiori aberrazioni politiche della storia. Nessuno dei pur pessimi leader mondiali somiglia neppure lontanamente a Hitler e nemmeno a Pol Pot od altri del genere (per fortuna). Ma l'uso sistematicamente distorto e disinformativo di termini che, invece, dovrebbero avere un significato preciso; la continua ritorsione delle idee nel loro contrario sono uno degli elementi che contribuiscono a creare i presupposti per l'avvento di forme di potere che sarebbe molto igienico evitare. Non che domattina ci troveremo i nazisti al governo, naturalmente, ma non li eviteremo il giorno in cui si presenteranno alle elezioni; li eviteremo evitando che maturino i presupposti che gli consentano di presentarsi. Se ci riusciremo.
    Jacopo

    RispondiElimina