Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 23 gennaio 2014

Il dibattito sul clima. Cosa abbiamo sbagliato e come possiamo fare meglio



Da “The frog that jumped out”. Traduzione di MR


Di Ugo Bardi

Il blog della rana che saltò via è apparso on line poco meno di un anno fa. Col nuovo anno, ho pensato che un mio piccolo sproloquio potesse starci. L'ho iniziato elencando tutto ciò che abbiamo fatto di sbagliato nella comunicazione del problema climatico ma, andando avanti, ho scoperto che c'erano anche altre cose positive che avrei potuto dire. Così, il risultato finale è qualcosa che cerca di suggerire una qualche strategia positiva per la comunicazione sulla base della teoria dei network e di qualche altra osservazione. Probabilmente, questo testo vuole dire troppe cose in troppo poco spazio ma, ora che l'ho scritto, forse troverete un momento per darci un'occhiata e dirmi che cosa ne pensate. 


Forse avete avuto anche voi uno di quegli incubi dove venite inseguiti da un mostro. Cercate disperatamente di scappare, ma scoprite che i vostri piedi sono incollati al terreno. Col cambiamento climatico avviene qualcosa di simile. Quasi sentite il respiro del mostro climatico sul collo, ma non vi potete muovere. Niente di muove. Qualsiasi cosa proviamo per convincere le persone del pericolo che ci aspetta non ha nessun effetto. Non attacca.

Ma perché ci troviamo in questa situazione? Dopo tutto abbiamo una tesi forte: abbiamo i dati, abbiamo i modelli, la comunità scientifica è compatta dietro all'idea del cambiamento climatico antropogenico e su cosa si deve fare per fermarlo. Così, abbiamo enunciato la nostra tesi, abbiamo cercato di fare del nostro meglio per spiegare come stanno le cose. Poi, ci aspettavamo che qualcuno facesse qualcosa. Ma no, non è successo niente, non succede niente.

Abbiamo raddoppiato i nostri sforzi. Abbiamo letto il libro “Non fare quello scienziato” ("Don't be such a scientist"). Abbiamo aperto blog, abbiamo scritto su facebook e twitter, abbiamo rilasciato interviste. Abbiamo cercato di essere chiari, piacevoli, divertenti, abbiamo cercato di portare soluzioni, non problemi. Abbiamo cercato di seguire l'avvertimento che dice “più di tutto, non spaventare nessuno!” Ma non ha funzionato e ormai non funzionerà. Ci siamo ridotti ad aspettare il prossimo disastro ambientale perché finalmente la gente si svegli dal torpore. Ma abbiamo avuto già disastri ambientali a sufficienza e nessuno se ci fa caso. Quindi, siamo destinati a perdere questa battaglia? Di seguito alcuni miei pensieri su questo argomento.


1. Allora, cosa abbiamo sbagliato?

Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato; abbiamo cantato un lamento e voi non avete pianto. Matteo 11:17

Questo blog, “La rana che saltò via”, mi è stato utile per focalizzarmi sul problema della comunicazione della scienza del clima. Credo quindi di avere una qualche idea su cosa esattamente abbiamo sbagliato e la risposta può essere probabilmente trovata in un misto di psicologia umana e nel campo scientifico chiamato “Teoria dei network”. Ha a che fare con la tendenza umana a formare tribù, strutture che nella teoria della rete vengono chiamate “piccoli mondi” ("small worlds"). Potete vedere la struttura di una rete di piccoli mondi nell'immagine – è strutturata come gruppi di nodi fortemente collegati fra loro all'interno del gruppo ma debolmente collegati con l'esterno (immagine da “researchtoaction”)

Che la rete sia strutturata in questo modo è una cosa provata. Che questa sia una proprietà non solo del Web è una cosa chiaramente visibile a tutti. Il mondo sociale intorno a noi è una rete di piccoli mondi – alcuni politici, alcuni religiosi, alcuni culturali, alcuni sportivi, alcuni formati semplicemente da amici e molti altri. Funziona in questo modo; dopotutto siamo una specie tribale: ognuno di noi è integrato in almeno un piccolo mondo. Si può appartenere anche a diversi piccoli mondi su piani” diversi della propria esistenza; diciamo, uno per la propria rete professionale, uno per la propria attività politica, uno per i propri hobby ed altro ancora. Quindi, se la società è costruita come una rete di piccoli mondi, significa che gran parte della comunicazione in atto avviene all'interno di piccoli mondi. Non che non ci siano contatti fra piccoli mondi, ma sono meno numerosi e più deboli.

Il punto è che l'unità di informazione delle informazioni e della loro diffusione in ambito sociale è la tribù, non l'individuo. Questi piccoli mondi/tribù sono tremendamente resilienti. Formalmente non sono esclusivi, non serve un distintivo o un ID per appartenere alla propria rete tribale. Ciononostante è chiaro se si appartiene o no ad essa. Se vi si appartiene, bisogna conoscere il retroterra, le idee formalmente ed informalmente accettate, bisogna conoscere il gergo ed usarlo in modo appropriato. Questo gruppo di idee comunemente accettate rende il gruppo resistente al cambiamento.

Questa forse è una semplificazione eccessiva, ma ho avuto modo di interagire con tribù particolarmente strane, come quella delle “scie chimiche”, cioè coloro che credono e sostengono che i governi del mondo stiano collaborando per avvelenarci diffondendo veleni nel cielo e facendolo sotto forma di scie bianche facilmente rilevabili (“scie chimiche”) lasciate da aerei. Ora, come è possibile che qualcuno creda per davvero in una cosa del genere? E tuttavia, l'identificazione tribale dei credenti è così forte che formano una comunità strettamente legata che reagisce aggressivamente ad ogni tentativo di far ragionare i suoi membri sull'assurdità delle loro convinzioni (non mi credete? Provate voi stessi e mi saprete dire).

Vedete quel meccanismo di identificazione in atto nei commenti dei blog che promuovono l'idea delle scie chimiche – è una specie di coro. Se si commenta senza suonare la canzone giusta si viene attaccati aggressivamente. Il tutto ha un sapore primordiale, qualcosa che ricorda il comportamento di creature che corrono in in branco e ululano alla luna piena.

L'esempio delle scie chimiche è estremo, ma illustra il meccanismo. Si può osservare lo stesso fenomeno, per esempio, nei commenti dei blog dell'anti-scienza come “Watts Up with That?” tenuto da Anthony Watts. Vedete  come i membri della tribù di Watts  rafforzano le rispettive convinzioni usando un linguaggio e temi simili. Per esserne membri bisogna ripetere i meme comunemente accettati (“non c'è stato riscaldamento durante gli ultimi 15 anni”) ed attaccare gli scienziati del clima (“Michael Mann è un nemico dell'umanità”). La resistenza delle tribù alle nuove informazioni è davvero sorprendente.

Il problema è che non c'è quasi modo di spezzare il sistema di credenze di una piccola tribù dall'esterno. Puntare agli individui non funziona: quella persona confronterà semplicemente le vostre dichiarazioni a quelle della propria tribù e concluderà che le vostre non hanno peso. Si potrebbe dire, “ma questo è ciò che dice la scienza” e la probabile risposta sarà “chi se ne frega?” Se si insiste, la reazione potrebbe essere aggressiva (“gli scienziati hanno tradito il pubblico per ottenere grassi contribuiti per la ricerca”). Nemmeno i più grandi disastri collegati al clima, da Katrina ad Haiyan, possono spostare la tribù dai propri amati sentimenti.

Naturalmente, la struttura del Web è sfumata e complessa e solo una minoranza di piccoli mondi sono ostili alla scienza. La maggior parte sono semplicemente indifferenti e non attueranno, di per sé, una forte contro reazione al meme del cambiamento climatico. Ripetere i concetti climatici in continuazione creerebbe probabilmente un punto d'appoggio in questi mondi neutri. Il problema è che il tentativo viene contrastato da una pari e opposta attività da parte dei piccoli mondi ostili. Questi sono stati efficaci nel posizionarsi come opinione legittima. Lo hanno ottenuto essendo molto attivi e visibili sul Web. Una delle loro armi è quella di 'trollare' con commenti aggressivi nei siti scientifici. Pochi troll anti-scienza possono dirottare completamente qualsiasi discussione scientifica e trasformarla in una rissa. Il problema è che è stato scoperto che l'opinione di persone inizialmente neutrali può essere fortemente influenzata da commenti anti-scientifici negativi.

E' qui che abbiamo fatto il nostro errore cruciale come promotori dell'idea che dobbiamo fare qualcosa per fermare il cambiamento climatico. Tendiamo ad avere a che fare coi troll anti-scienza come se fossero persone che volessero onestamente saperne di scienza. Possono mascherarsi in quel modo, inizialmente, ma il loro scopo è diverso: vogliono dirottare il dibattito e trasformarlo in una rissa. Sanno bene che questa è una tattica molto efficace e che siamo caduti in trappola di continuo - cimentandoci in battaglie inutili che sono servite soltanto a dare visibilità a persone che non la meritavano. Il risultato finale è lo stallo che stiamo osservando ora. Non stiamo riuscendo ad avere un impatto sulla maggioranza delle persone e, di conseguenza, non viene fatto nulla per il cambiamento climatico. Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato; abbiamo cantato un lamento e voi non avete pianto.


2. Il modo per fare meglio

Se conosci il nemico e conosci te stesso, non hai bisogno di temere il risultato di centinaia di battaglie. (Sun Tzu)

Se guardiamo ai dibattiti passati, vediamo che c'è una strategia vincente per la scienza. E' quella di isolare le tribù anti-scienza e rendere chiaro che sono aree di minoranza le cui opinioni sono condivise da persone che non hanno nessuna credenziale scientifica. Pensate alla battaglia intorno agli effetti sulla salute del fumo, o a quella sulle cinture di sicurezza sulle automobili, o sulla guida in stato d'ebbrezza. Questi concetti avevano degli oppositori, ma le battaglie sono state vinte isolandoli e rendendo chiaro che le loro opinioni (per esempio che non c'è pericolo a guidare da ubriachi o senza cinture di sicurezza) sono opinioni marginali e pericolose che non hanno nessuna base scientifica e non dovrebbero avere lo stesso spazio nel dibattito sulla guida sicura. Solo in questo modo è stato possibile ottenere leggi efficaci sulle cinture di sicurezza e per fermare la guida in stato d'ebbrezza. Molte persone non sono state particolarmente felici di questo, ma hanno accettato l'opinione comune.

Così, il nostro obbiettivo nel dibattito climatico è chiaro: dobbiamo isolare le tribù anti-scienza e rendere chiaro che le loro posizioni sul clima, per esempio che non c'è pericolo da parte del riscaldamento globale, sono opinioni marginali senza alcuna base scientifica. Inoltre, queste opinioni sono pericolose e non dovrebbero avere “pari spazio” nel dibattito su come mantenere il clima terrestre sicuro per gli esseri umani. Se possiamo ottenere questo, allora possiamo gradualmente penetrare nei piccoli mondi neutrali e concludere qualcosa. E' la strategia perché si faccia qualcosa.

Poi la strategia ha bisogno di tattiche per essere messa in pratica. E le tattiche fondamentali nella comunicazione sono sempre le stesse: conosci il tuo target. Bisogna capire con chi si sta parlando e costruire il messaggio su questo. Altrimenti è tempo perso – in realtà è anche peggio: si ottiene l'opposto di quello che si vuole. Così, dobbiamo considerare questo, nel vasto universo del Web parliamo a tre tipi di persone integrate nei loro piccoli mondi: 1) simpatizzanti, 2) neutrali, e 3)ostili. I modi di avere a che fare con loro sono diversi.

- Parlare con persone che sono già simpatizzanti della scienza non pone problemi. Parliamo lo stesso linguaggio – ci capiamo a vicenda. Siamo un piccolo mondo, dopo tutto, anche se siamo un piccolo mondo scientifico.

- Parlare con persone neutrali è dove si può usare il consiglio che si può leggere, per esempio, in libri come “Non essere quel tipo di scienziato”. Bisogna essere competenti, bisogna essere chiari bisogna essere onesti. Se si fa questo, non c'è bisogno di seguire regole particolari nel proprio lavoro di informare le persone. Per esempio, potreste aver sentito parlare del fatto che non bisogna spaventare le persone. E' vero, ma questo non significa che si debba addolcire talmente tanto la pillola da trasformarsi in un Ronald McDonald del clima. Il modo migliore, credo, è quello di essere onesti su quello di cui si parla e, se si vedono pericoli seri di fronte, lo si dovrebbe dire. Gran parte delle persone la fuori sono persone decenti che sono in grado di apprezzare un discorso onesto. Ci vuole tempo, bisogna essere costanti, ma alla fine funziona.

- Parlare a persone che appartengono a tribù ostili, be', è facile: non lo si deve fare. Il nostro obbiettivo è quello di isolarli, negando loro visibilità e stiamo imparando a farlo. Per esempio Gavin Schmidt - climatologo – ha di recente rifiutato di fare un dibattito televisivo con un avversario ostile dicendo “La televisione è performance artistica, non dibattito scientifico. Non dovremmo confondere le due cose”. Ben detto! Questo, naturalmente, ha generato accuse di “codardia” contro di lui. Sicuro, sicuro... possono ululare alla luna quanto vogliono. Ma Schmidt ha capito perfettamente che sarebbe stato un errore dare a questo avversario la possibilità di apparire come se si trovasse in una condizione scientifica paritaria. E, di recente, il forum Reddit's science ha bannato i negazionisti climatici. Vedete? Stiamo imparando a conoscere il nostro nemico! E se conosciamo il nostro nemico (e noi stessi) possiamo vincere questa battaglia.


3. Conclusione

E se ho il dono della profezia e conosco tutti i misteri e tutta la conoscenza; e se ho tutta la fede, tanta da spostare le montagne, ma non ho l'amore, non sono nulla. Paolo, Lettera ai Corinzi 13:2

La battaglia il clima si sta rivelando come la battaglia decisiva dell'umanità – se la perdiamo, perdiamo tutto. Non c'è bisogno di essere scienziati per combatterla, ma se si ha lo stato d'animo giusto è un dovere combatterla. E' una battaglia tremendamente difficile, non non invincibile. Però, non dimenticate anche un'altra cosa: la scienza non è tutto. La ragione per cui si combatte non è solo perché si sa di essere scientificamente nel giusto. Un medico è un buon medico non solo perché conosce la scienza medica, è un buon medico perché ha cura dei propri pazienti. La stessa cosa vale per voi. State combattendo la battaglia del clima non solo perché conoscete la scienza del clima. E' perché vi importa della vita dei vostri amici, della vostra famiglia, dei vostri bambini, dell'umanità e di tutto ciò che è vivo su questo pianeta. Questo è il solo modo di vincere.

Detto questo, mi scuso per questo mio sproloquio piuttosto lungo. Ma, se siete arrivati sin qui, spero che ci abbiate trovato qualche suggerimento utile.




13 commenti:

  1. Contro gli ostili suggerisco il METODO ANTI STRONZI di Robert J. Sutton.

    Benché il libro sia stato scritto per dare un metodo di difesa per chi subisce abusi sul lavoro
    da parte di superiori e colleghi, potrebbe essere anche utilizzato su scala diversa, visto l'interesse degli scienziati climatici (e non solo loro) di cambiare le cose. Uno dei metodi è l'isolamento, ma anche altro.

    RispondiElimina
  2. Inoltre, ora che il prezzo del cambiamento si deve pagare comunque e il prezzo dell'immoblità sta crescendo vistosamente, solo gl'imbecilli sono capaci di convincersi che è meglio continuare come s'è sempre fatto.
    Ma solo quelli così imbecilli da non rendersi conto di quanto lo siano, resistono fino alla morte al cambiamento.
    E per fortuna e per via della legge dei grandi numeri, questi sono un'esigua minoranza.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, e quindi gli scienziati e le persone oneste saranno d'ora in poi MOLTO aiutate anche dalla sempre piu crescente "dittatura dei fatti" ! (ottimo concetto inventato ovviamente da qualcuno piuttosto intelligente, ma adesso purtroppo "anonimo")

      Cioe'.... "caro amico negazionista"....credi che i cambiamenti climatici non ci siano e che gli scienziati raccontano un sacco di balle per far soldi? Bravo !....E adesso brucia, crepa di sete o di freedo, ed annega pure. E poi magari ne riparliamo di nuovo fra un'altro paio d'anni. (Ma ovviamente nel frattempo la scienza puo continuare a "spiegare" con santa pazienza....ma credo no ci sia mai miglior maestro che la realta. )

      Elimina
  3. Io sono la vite e voi i tralci. Chi rimane in me ed Io in lui, fa molto frutto, perchè SENZA DI ME NON POTETE FARE NULLA (di positivo, aggiungo). Vangelo di Giovanni 15,5.
    Come dice S.Paolo sopra, senza amore = Spirito Santo (3° persona trinitaria) la speranza di fare qualcosa di positivo è nulla. L'unica cosa che apprezzo nel maligno è la sua capacità appunto mefistofelica nel saper cambiare i buoni propositi in negatività. Quando dissi ad un sacerdote, che l'iscariota era stato uno dei dodici apostoli, scelti da Gesù, che perciò aveva scacciato demoni e operato guarigioni miracolose e poi per avidità era diventato l'unico condannato sicuramente all'inferno, ci rimase male e se ne andò mesto senza salutarmi. Forse voleva salvare la mia anima, mentre invece mi ostinavo nella mia condanna. Ma d'altra parte se non c'ho lo Spirito Santo, non posso mica andare a comprarlo alla coop.

    RispondiElimina
  4. Luca: 8: 5-8; "Il seminatore uscì a seminare la sua semente. Mentre seminava, parte cadde lungo la strada e fu calpestata, e gli uccelli del cielo la divorarono. Un'altra parte cadde sulla pietra e appena germogliata inaridì per mancanza di umidità. Un'altra cadde in mezzo alle spine e le spine, cresciute insieme con essa, la soffocarono. Un'altra cadde sulla terra buona, germogliò e fruttò cento volte tanto". Detto questo, esclamò: "Chi ha orecchi per intendere, intenda!"
    Guido Massaro

    RispondiElimina
  5. Molte volte le persone sono semplicemente ignoranti in materia.
    Bisogna essere capaci di sintetizzare tutto in poche parole e solo successivamente andare nei particolari.

    Tra due alternative che gli si presentano: quella del disastro e quella del stare bene tutti ricchi, preferiscono egoisticamente quella che li fa stare sereni.

    Evidenziare i problemi e non dare le soluzioni FATTIBILI non serve a niente.

    Se dite a una persona che non c'è più niente da fare e che ormai tutto è spacciato, allora quella persona penserà che è meglio continuare a vivere come se niente fosse in modo da avere serenità per il tempo che rimane.

    Se presentate una soluzione e questa sembra essere peggio del male, anche questa verrà
    ignorata.

    Le soluzioni devono essere pure belle, se no, le persone le applicheranno solo in casi estremi.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Ugo.

    La molla che ti spinge a formulare questi pensieri nella tua testa e poi sul web è l'amore.
    E' bello vedere questo amore per la verità, per l'umanità, per il pianeta.
    Ecco di seguito il mio contributo, un mio parere su quanto scritto sopra.
    . -----------------------------------------------------------
    Devi sapere che sono un ragioniere-programmatore elettronico, diplomato nel 1976, che vive in periferia di una città alpina, nella vicinanza del bosco.
    Nato e vissuto per sei anni in campagna.
    Innamorato della Natura e dei Popoli Tribali.
    Alpinista dilettante dal 1987 al 2001.
    . -----------------------------------------------------------
    Sono d'accordo che esistono delle tribù nel web.
    Mi chiedo spesso come mai la gente, nella sua globalità, si comporta in questo modo.
    Perchè il mondo funziona così.
    Io faccio parte della gente.
    Allora mi interrogo anche su me stesso.
    Anche io amo.
    Cosa più di tutto ?
    Nel mio caso, la Natura.
    Ho visto i documentari naturalistici di David Attenborough, comperato il giornale per la natura “Airone”, con i suoi bellissimi taccuini (di Felix Rodriguez de la Fuente), letto i libri di James Herriott.
    Ma soprattutto ho fatto tante camminate in montagna portando con me la lente di ingrandimento per osservare gli insetti e i fiori, e il binocolo per osservare gli animali.
    Eppure ....
    non avevo capito.
    Nel 2001 lessi dei libri sugli e degli Indiani di America.
    Credo che cominciai a capire.
    Restavo a bocca aperta per lo stupore, leggendo i loro pensieri ed il loro modo di vivere.
    . ----------------------------------------------------------------
    Gli scienziati, riguardo al cambiamento climatico, non hanno sbagliato niente, o quasi.
    Chi sbaglia è la cultura imperante.
    Se tu vai a spiegare il cambiamento climatico alle tribù che vivono nella natura, secondo me ti capiscono al volo.
    E' qui, in Italia, in Europa, negli USA, Giappone , Russia, Argentina, Cile, Panama, che è difficile far capire.
    Ormai le menti sono avviluppate o in pensieri di poco conto, che sembrano importantissimi, ma non lo sono, oppure sono occupate a far fronte alla disoccupazione sempre più diffusa, che causa perfino suicidi.
    Per quanto riguarda altri luoghi nel mondo, cioè Cina, Brasile, India, Africa, Centroamerica, Artico, Medio Oriente, la gente deve arrabattarsi per sopravvivere (e molto spesso muore di fame, sete, di guerre create dalla multinazionali e dagli stati “forti”, e adesso inizia a morire anche di inquinamento).
    . ----------------------------------------------------------------
    Ci ha provato anche Al Gore : non scienziato, ma uomo politico e divulgatore scientifico per amore.
    Quali risultati ha ottenuto ?
    Eppure, credo che il documentario ed i libri di Al siano ben esaustivi sul “riscaldamento globale” !
    Nel mondo occidentale, quel mondo dove il pensiero sul “riscaldamento globale” ed i “cambiamenti climatici” devono essere capiti, bisogna riformare i “meme”, la politica e l'informazione.
    Nel mondo occidentale vince la disinformazione e la cattiva informazione, servi di poteri economici ciechi, sordi e muti di fronte alle problematiche ambientali (non vedo, non sento, non parlo, anzi di più, diffondo false notizie, in controtendenza alla verità).
    Ormai la maggior parte della gente, in Italia, vive nelle città e nella periferia, e non si ricorda più bene cosa è la natura.
    Per capire il “riscaldamento globale” bisogna dedicare tanto tempo all'argomento, e cambiare i “meme” nella propria testa.
    Bisogna rifuggire la “disinformazione”, riavvicinarsi a Madre Natura.
    Gli scienziati come te sono soltanto da ringraziare : stanno facendo il necessario ed anche di più.
    Grazie !!!!

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
  7. Gentilissimo Prof. Bardi, ho letto con interesse il post però trovo che non si siano toccati i punti fondamentali.
    Per essere schematico, in tutto questo post dedicato alla comunicazione non sono riuscito a capire alcune cose.
    Mi spiego meglio:
    nel post si parla di comunicazione.
    La comunicazione prevede come minimo una emittente, un contenuto da trasmettere e una entità ricevente.
    Nel caso specifico gli elementi sono abbastanza chiari, l'emittente (scienziati del clima) il messaggio (pericolo grave ed imminente) i destinatari (i governi? la popolazione mondiale?)

    Nel post però si parla di efficacia della comunicazione e qui entrano in gioco altri elementi:
    per parlare di efficacia occorre introdurre uno scopo misurabile della comunicazione e un metodo di verifica dei risultati ottenuti rispetto allo scopo prefissato.

    Questi elementi non sono per nulla chiari nel post.
    Lei parla di comunicazione inefficace: su quali elementi si basa? obbiettivi non raggiunti o raggiunti in ritardo? Quali sono questi obbiettivi e in quali tempi si era prefissato il loro raggiungimento? Cosa sarebbe dovuto accadere e in quali tempistiche per poter definire la comunicazione efficace?

    grazie
    pablo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pablo, hai centrato un punto fondamentale - anzi, più di uno. Non è che non ci abbia pensato, al contrario, ma è una cosa complessa che non potevo elaborare in questo post che era già troppo lungo.

      In sostanza, comunque, ci sono specialisti di comunicazione che studiano esattamente quello che hai menzionato (un po' di nomi, tipo Brewer, Lewandowsky, Kahan etc.). Siamo arrivati a capire molte cose di come penetra la comunicazione del problema climatico secondo vari target e parametri. Ci sono varie opinioni su come migliorare, su quali target indirizzarsi, su come gestire il "packaging" del messaggio eccetera.

      Ma tutto questo è al di là degli scopi del mio modesto post dove la deninizione di "non efficacia" è basata su una semplice osservazione: stiamo facendo poco o nulla per risolvere il problema. Vuol dire che stiamo sbagliando qualcosa

      Elimina
  8. Lo sa Dr. Bardi che frequentemente anche i pikkisti sono visti come una tribù chiusa?
    Che nonostante le mie competenze scientifiche non proprio comuni, non ero affatto certo dell'origine antropica della CO2 prima di aver letto una sua spiegazione qualche anno fa?
    Che quando in alta montagna vedo le scie degli aerei tramare il cielo a rete molto molto fitta (fuori dai corridoi aerei), almeno un dubbio sul fatto che siano casuali mi passa per la testa? Le ha mai viste, di persona intendo?

    Giusto per dirle che: dai suoi articoli trasuda "spirito" accademico, ma sta vivendo in, e parlando a, un piccolo mondo. Il resto là fuori NON è fatto di suoi studenti e difficilmente in grado di seguire un ragionamento scientifico, mentre è perfettamente in grado di percepire un atteggiamento altero e spocchioso, e rifiutare a pelle l'interlocutore a prescindere da cosa dica.

    Capisco il suo prurito contro gli ignoranti, soprattutto quando ricoprono posizioni di vertice, mi capita ogni giorno sul posto di lavoro, ma finchè le leggi si fanno in democrazia il voto del colto conta uno come quello del troll.
    Il voto del ricco no, conta molto di più, e se segue il denaro trova i perché il problema climatico non trovi soluzione: non va a vantaggio del 1% che ha il controllo economico del pianeta.

    Quindi temo dovrà rassegnarsi a guardare quanto S.Giovanni ha raccontato.
    E ... sì i nostri nipotini faranno la fame; nulla lo può più impedire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, sollevi un problema piuttosto grave.

      Dire ad uno che non ha capito, o che non ha gli strumenti per fare un'analisi di un problema complicato è fondamentalmente antipatico, spocchioso, e a pelle procura reazioni negative. Ma purtroppo è spesso vero.

      Viviamo in un mondo complicato, in cui ad es. non è normalmente facile identificare un corridoio aereo a vista, o stabilire se un aereo possa o non possa uscire da un corridoio aereo (per fare un esempio). Ma in cui un sacco di gente, che non sa quali e dove siano i corridoi aerei, pensa sia suo sacrosanto diritto decidere se gli aerei siano o non siano in un corridoio aereo. E quindi io in questo momento a queste persone sembrerò spocchioso ed accademico. Non posso materialmente mettermi in cima ad una montagna con queste persone, con una cartina dei corridoi aerei, ad insegnare come si misura la distanza di un aereo e come si verifica se sia "regolare" o meno.

      Per il global warming o il picco del petrolio è molto peggio. Non potrei, neppure mettendomi accanto a loro, trovare delle evidenze condivise. Qualcosa che li possa convincere che si tratta di qualcosa di reale. Devo rifarmi a cose come gli studi peer review, il che significa convincerlo che gli scienziati non sono una casta spocchiosa ma che ne sanno davvero di più del tizio al bar, e che hanno degli strumenti per autocontrollarsi, non per censurare i dissidenti. Statistiche, che sono controintuitive. Grafici, che io so leggere ma loro no.

      Gli ignoranti non mi causano pruriti. Il problema non è l'ignoranza, ma il non sapere di essere ignoranti, e considerare spocchioso chi te lo fa notare.

      Un'ultima nota. Non saranno i miei nipotini a fare la fame. Succederà prima.

      Elimina
    2. E se "trasudano" spirito accademico questi post....poerannoi

      Elimina
  9. L' errore concettuale fondamentale imho è l' avre confuso "comunicare" con "convincere".

    A livello di strategia pratica poi risalta un altro macroscopico errore:
    quando si combatte una "battaglia", per provare a vincere senza illudersi di essere in grado di farlo semplicemente perchè si è in possesso della verità (altro grave errore) bisogna sapere
    A) quanto sono numerosi i "nemici" (poco più o poco meno di noi? 100 volte noi? 1000?)
    B) quali sono le armi dei "nemici" e quanto sono efficaci questi nell' usarle (vedi mujaheddin e talebani con armi leggere vs eserciti prima sovietici e poi statunitensi con armamenti assai più sofisticati e potenti)

    Se non si è nemmeno in grado di stimare A e B, bisogna mettere nel conto che per quanto coraggiosamente si è affrontata la battaglia, ci si può in fretta ritrovare conciati per le feste dai cattivi e disprezzati "nemici".

    RispondiElimina