Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 8 dicembre 2013

Ghiaccio e metano: la combinazione mortale



Questi due documentari tradotti da Max Rupalti fanno un po' paura. Lo si vede anche dai commenti aggressivi e fuori dalle righe che hanno ricevuto sul sito dove sono stati pubblicati originariamente, Transition Italia. Sfortunatamente, mettersi a urlare contro i problemi non è un buon modo per risolverli

Clima: due documentari (ora) in italiano

di


Salve a tutt*

Volevo segnalarvi due documentari che ho recentemente sottotitolato e che potrebbero essere utili, a scopo divulgativo, per chi è attiv* in un’iniziativa di Transizione o in un Gruppo Guida.

L’argomento è per entrambi il clima.

Il primo è “Chasing Ice” (2012), del fotografo americano James Balog. Anni di fotografie scattate giorno dopo giorno durante la spedizione “Extreme Ice Survey” ricostruisco il ritiro dei ghiacci in Islanda, Groenlandia, Alaska e Montana. “E’ una cosa magica, miracolosa, orribile e spaventosa”, una frase del film che lo rappresenta piuttosto bene. (Grazie a Paolo e Ilaria per le segnalazioni di errori nel testo).




Di carattere più tecnico e dalle immagini meno godibili (ma non per questo meno importante) è il secondo documentario: “La spirale mortale dell’Artico e la bomba a orologeria del metano” (2013). Il titolo è piuttosto macabro, ma quanto sta accadendo nell’Artico potrebbe rivelarsi esserlo davvero. I ghiacci si sciolgono, l’albedo diminuisce, il mare e la terra nuda assorbono più energia solare, l’acqua si scalda, il permafrost si scioglie, gli idrati di metano in fondo al mare cominciano a sciogliersi a loro volta rilasciando metano, il metano è un gas serra molto potente… Insomma, un problemino di cui proprio non possiamo più fare a meno di occuparci.



Mi spiace che non siano belle notizie. Spero che servano a trasformare i problemi in soluzioni, che è un po’ quello per cui nasce la Transizione.

Buona visione e diffusione (se volete).


P.S. Se volete diffondere i documentari vi consiglio di scaricarli, su youtube oggi ci sono e domani non si sa. I sottotitoli sono scaricabili con appositi programmi freeware, ma se avete difficoltà contattatemi: rupo[chiocciola]cheapnet.it



6 commenti:

  1. Secondo il nuovo rapporto del National Research Council, degli idrati non dovremo preoccuparci tanto a breve:

    The report notes that a shutdown in the Atlantic Ocean circulation patterns or a rapid release of methane from high-latitude permafrost or undersea ice are now known to be unlikely this century, although these potential abrupt changes are still worrisome over longer time horizons.

    http://www8.nationalacademies.org/onpinews/newsitem.aspx?RecordID=18373

    RispondiElimina
  2. R trasformare i problemi in soluzioni: qualcuno crede che soluzioni anche parziali,come è ovvio che sia, ma sufficientemente incisive, possano esser messe in atto in democrazia con 7 miliardi di astanti mantenendo qualche parvenza welfarista delle società ?..Credere questo credo sia andare contro queste soluzioni anche parziali.

    RispondiElimina
  3. Francesco, il senso di "trasformare i problemi in soluzioni" è quello che la soluzione (quando c'è, perché potremmo anche trovarci in una situazioni difficile, inevitabile, piuttosto che di fronte a un problema) sta per forza nel problema stesso. Non puoi trovare soluzioni fuori, sono solo palliativi che spostano il problema altrove, in genere ingigantendolo enormemente. Questa cosa è un classico della visione sistemica. La difficoltà, semmai, è proprio quella di identificare il problema. Ma se lo identifichi, la soluzione è lì, basta cercarla. Magari, ecco, potrebbe non piacere... ma se riesci a cambiare punto di vista, visione e paradigma, alla fine ti rendi conto che potrebbe anche essere una vita migliore, di molto migliore.

    Il welfare, lo stato, la democrazia, in quanto espressioni di questo paradigma e di queste dinamiche, è normale che subiranno delle trasformazioni anche radicali, gli stati potrebbero (secondo me in termini termodinamici avverrà di sicuro) scomparire e nascere forme di gestione amministrativa locale, il welfare potrebbe tornare ad essere una prerogativa della comunità e la democrazia trasformarsi in una forma partecipativa, non rappresentativa. Ci sono esperimenti in corso, tanta gente che sta cercando di costruire un paradigma diverso, quotidianamente.

    E' difficile, i fallimenti sono dietro l'angolo, il paradigma attuale tende a fagocitare facilmente chi prova a fare diversamente, ma non abbiamo scelta. Se non ci provi non succede niente. E un po' di atteggiamento positivo, propositivo e celebrativo non guastano nel processo, rendono la vita più gioiosa, danno la forza e la convinzione di poter effettivamente fare qualcosa. Naturalmente lo puoi fare solo in compagnia, da soli non succede nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo 100 per 100 !!!!
      Gianni Tiziano

      Elimina
    2. Mi ha colpito il rapporto CENSIS per quanto riguarda il concetto di connettività orizzontale e sviluppo di economia legata ai territori e comunità ... "quale anima segreta ... può fare da nuovo motore dello sviluppo? La risposta è riassumibile in un concetto: la CONNETTIVITA'

      Non si può pensare il futuro dello sviluppo digitale se non lo si vede come progressiva connettività (non banalmente connessione tecnica) fra i soggetti implicati nel processo; non si fa e non si può pensare il futuro del nuovo welfare (comunitario, aziendale, associativo, privato che sia) se non lo si vede come progressiva connettività di comportamenti individuali e collettivi; non si può pensare al futuro dei soggetti “nuovi” della vitalità d’impresa se non lo si constata animato da una connettività crescente di comportamenti e culture individuali e collettive;

      http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Correlati/Documenti/Notizie/2013/12/Sintesi-completa.pdf

      Elimina
  4. Nuovo link al secondo documentario, quello su ghiaccio e metano:

    https://www.youtube.com/watch?v=fdzZbM9FPOk

    Il precedente aveva i sottotitoli fuori sincrono perché è una versione precedente del documentario con un intro leggermente più breve.

    Ancora, buona visione.

    RispondiElimina