Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 26 settembre 2013

La bolla del gas di scisto: bruciare la propria casa per salvarla

Da “Cassandra's Legacy”. Traduzione di MR (Peak & Transition Translators Team)




Questa è una versione scritta di un commento che ho fatto durante la discussione all'ultima riunione del Club di Roma ad Ottawa.


Signore e signori, vorrei fare un commento su un punto di questa interessante discussione. Ci è stato detto, correttamente, che la produzione di gas di scisto in Nord America sta esplodendo ed anche che i prezzi sono molto bassi, circa 2 dollari per milione di piedi cubici. In realtà, sono un po' più alti di così ma è ancora un prezzo basso in confronto a quello di qualche anno fa, prima della “rivoluzione” del gas di scisto.

D'altro canto, produrre gas di scisto è costoso. Il “fracking” è una tecnologia che è stata sviluppata molto tempo fa, ma non era stata mai usata su larga scala fino ad oggi perché era troppo costosa in confronto alla produzione convenzionale di gas. Ed è ragionevole: per il fracking servono apparecchiature sofisticate, sostanze chimiche ed altro. In aggiunta, un pozzo di gas di scisto si esaurisce rapidamente, quindi si deve continuare a perforare per mantenere la produzione. Infatti, la tecnologia mineraria ha questa caratteristica: può essere usata movimentare più risorse, ma raramente può renderle più economiche.

Quindi qui c'è una contraddizione: stiamo usando una tecnologia più costosa per produrre un bene i cui prezzi, tuttavia, sono scesi considerevolmente. Cosa sta succedendo?

Penso che la spiegazione sia da individuare in fattori finanziari. Ciò che vediamo, infatti, è principalmente una bolla finanziaria nella quali gli investitori sono portati a immettere soldi in un mercato con la speranza di fare un sacco di soldi. Questa è una speranza per il futuro, ovviamente, perché al momento sono sicuro che nessuno possa fare tanti soldi con i prezzi del gas così bassi – di fatto penso che molta gente ce li stia perdendo. Ma questa è la magia del mercato finanziario: se tutti credono che un certo bene avrà un grande valore in futuro ci investono e il risultato è la sovrapproduzione.

Quindi stiamo parlando di una bolla finanziaria e possiamo confrontare la bolla del gas con quella edilizia, quella che è esplosa nel 2008. C'è una differenza, però: mentre le rispettive bolle crescevano, i prezzi delle case sono cresciuti mentre quelli del gas sono diminuiti. Be', c'è una logica: abbiamo una capacità molto limitata di stoccare la sovrapproduzione di gas, quindi lo dobbiamo bruciare. In un certo senso, stiamo bruciando gas per mantenere il mercato del gas vivo. Per la sovrapproduzione di case non è così: non è necessario bruciare la propria casa per salvarla (anche se a volte c'è chi ricorre a misure piuttosto drastiche per togliere le case dal mercato*).

Quindi, tutto il gas prodotto in eccesso deve essere venduto sul mercato e questo ha portato i prezzi a scendere. E' questo cui stiamo assistendo. Ora, il punto è per quanto tempo il mercato vorrà finanziare la produzione di qualcosa che genera dei ritorni così ridotti (sempre che ne generi). Consideriamo anche che nel processo stiamo anche distruggendo risorse idriche ed inquinando vaste aree, per non dire niente del metano che fuoriesce dalle perforazioni. Tutti questi sono costi, qualcuno li dovrà pagare, prima o poi. Quindi penso che vedremo i prezzi salire, è inevitabile. Ma questo potrebbe tagliare la domanda e causare anche una riduzione della produzione. Sembra che stiamo vedendo entrambi gli effetti in corso, oggi: produzione in discesa e prezzi in salita. E' ancora troppo presto per vedere una tendenza robusta, ma penso che sia inevitabile: la rivoluzione del gas di scisto potrebbe essere già finita.

Vedi anche questo articolo di Ugo Bardi sul gas di scisto

_______________________________________________________

(*) Una palazzina vicino a casa di Ugo Bardi. I proprietari non riuscivano ad affittare gli appartamenti ad un prezzo che giudicavano giusto, quindi hanno preferito lasciarli vuoti. Per assicurarsi che non entrasse nessuno abusivamente, hanno murato tutte le porte e le finestre. Stanno aspettando che il mercato torni miracolosamente ai prezzi alti di un tempo. Buona fortuna!






3 commenti:

  1. una volta il capitalismo seguiva la legge della domanda e dell'offerta, ora quello della bolla. Ovviamente perchè la immensa massa finanziaria creata artificialmente con l'abbandono della copertura aurea del valore della moneta emessa da uno stato ha da trovare un qualche sbocco, altrimenti che è stata creata a fare se non si ha l'illusione che con quei soldi ci si possa comprare dei beni. Ci vuol poco a capire che questa abbondanza è stata permessa dai fossili, ma siccome pare non ci siano alternative indolori, bisogna continuare col BAU attuale il più a lungo possibile. Però caro Prof. Bardi, qualcuno oggi, altri domani dovranno pagare questo stato di cose, ma come è successo ai terreni inquinati del Lazio e della Campania, si spera sempre che il pattume se lo prenda qualcun'altro. Qua in provincia di Pistoia la produzione di castagne è azzerata per il terzo anno consecutivo, i terreni sono ricoperti di vivai che avvelenano con grandi quantità di antiparassiatri, sia il terreno, che la falda, che i vivaisti miei vicini, tra una bestemmia e l'altra (sentirli per credere) hanno inquinato forando pozzi fino a 120 m, molto più larghi delle tubature per far colare l'acqua fino in fondo rimescolandola a tutte le profondità. Ma chi se ne frega, il business deve andare avanti costi quel che costi. Se poi un giorno non ci saranno più fossili sufficenti per far pagare pensioni, stipendi e far arrivare il cibo dall'altra parte del mondo, quelli saranno problemi che toccheranno, sperano, a chi verrà.

    RispondiElimina
  2. Moltissime fabbriche, di ogni genere di merce, sono fallite anche nel lontano passato per questo: Producevano e vendevano tantissimo eppure sono fallite!

    Gli investitori accorrevano vedendo che vendevano moltissimo, ma appena gli investimenti dall'esterno calavano iniziavano i guai e il crollo perchè gli investitori scappavano.

    Il fatto è che se non ritorna l'investimento dato il basso prezzo di vendita questo produce un debito che pian piano aumenta ed esplode ogni volta che esiste un fermo della produzione.

    Dunque queste fabbriche sono fallite anche se producevano utili (vendono molto) ma non abbastanza per ammortizzare le spese iniziali e anche spese future come manutenzioni o altro.

    Stessa cosa avviene con il gas share, producono e vendono tantissimo ma impegnano grossi capitali che MAI possono essere ripagati. Inoltre non possono pensare di stoccare visto i costi di stoccaggio del gas e quindi non hanno nemmeno una garanzia se avviene un fermo di produzione o una mancanza di finanziamento.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. e pensare che il sottoscritto raschia quasi 3/4 del proprio stipendio tra affitto e spese non tanto distante da quella foto..
    Firenze ha un mercato degli affitti tutto suo..tutto particolare..con prezzi allucinanti anche in periferia..in mezzo allo smog e al casino 24h su 24..coi motorini smarmittati che scorrazzano fino a notte..
    il mercato, fino ad oggi, ha retto grazie a molti cittadini extra e comunitari che riuscivano miracolosamente a farcela (magari in più nuclei) ma oggi, col poco lavoro rimasto, quello che accade è ciò che mostra la foto..
    d'altronde quasi ogni proprietario crede che il proprio bilocale sia l'emulo immobiliare di qualche abitazione sul Jersey Shore, o su Long Beach o Hollywood Boulevard..dove magari con gli stessi costi ti affitti la casa di quello che fu una rockstar o comunque riesci a vivere dignitosamente in una bella casa..magari con piscina annessa..
    saranno 'minestre comiche' in futuro..frase di Alida Valli in Berlinguer ti voglio bene..
    un saluto

    RispondiElimina