Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 14 gennaio 2013

2012: un altro anno di eventi meteorologici da record – "La normalità è cambiata. La normalità è estrema"

Da “Dasdemona Despair”. Traduzione di M R



  di Seth Borenstein
20 dicembre 2012

WASHINGTON (MSN News) – Quando è iniziato il 2012, l'inverno negli Stati Uniti se n'è andato senza permesso. La primavera e l'estate sono arrivate presto con incendi, calore ustionante e siccità. E l'autunno ha colpito il terzo orientale del paese con la ferocia della Supertempesta Sandy. Il tempo di questo anno appena trascorso è stato mortale, costoso ed ha battuto ovunque i record, ma specialmente negli Stati Uniti. Se questo suona famigliare è perché dovrebbe. Anche l'anno precedente è stato mortale per i record. “Abbiamo avuto due anni di venti rabbiosi”, ha detto Deke Arndt, capo del monitoraggio del Centro Dati Climatici Nazionale degli Stati Uniti. “Spero che il 2013 sia davvero noioso”.

Nel 2012, molti degli avvertimenti che gli scienziati hanno fatto sul riscaldamento globale sono passati da studi aridi su riviste scientifiche a video della vita reale riprodotti di fronte ai nostri occhi: fusione record del ghiaccio marino nell'Oceano Artico. Città americane cotte a 35°C o più. Siccità diffusa. Alluvioni. L'onda della tempesta che inonda i sobborghi di New York City. Tutto ciò è stato previsto anni fa dagli scienziati del clima e tutto ciò è accaduto nel 2012. “Quello che si era previsto era che ci sarebbero state più di queste cose”, ha detto Michel Jarraud, segretario generale per il World Meteorological Organization.

Globalmente, 5 paesi hanno stabilito dei record delle temperature più calde, ma nessuna di freddo. Il 2012 è sulla strada giusta per essere l'anno più caldo mai registrato negli Stati Uniti. Ne mondo, la media di novembre suggerisce che sarà l'ottavo anno più caldo dal 1880, anno dal quale vengono registrate le temperature globali. Luglio è stato il mese più caldo nella storia delle registrazioni americana, in media 25°C. Nell'arco dell'anno, sono stati stabiliti più di 69.000 – compresi 356 luoghi in 34 stati che hanno stabilito la loro registrazione più alta di sempre. Il cuore dell'America è balzata da un estremo all'altro senza fermarsi alla “normalità”. L'alluvione storica del 2011 ha fatto strada alla devastante siccità del 2012.

“La normalità è cambiata, immagino”, ha detto il direttore ad interim del Servizio Meteorologico Nazionale statunitense Laura Furgione. “La normalità è estrema”. Mentre gran parte degli Stati Uniti combattevano con una siccità che evocava il Dust Bowl, parti di Africa, Russia, Pakistan, Colombia, Australia e Cina avevano a che fare con l'altro estremo: micidiali e costose alluvioni. Ma lo sviluppo del clima più problematico di quest'anno è stato la fusione in cima al mondo, ha detto Jarraud. Il ghiaccio marino estivo dell'Artico si è ridotto del 18% in meno del precedente record minimo. I passaggi artici normalmente ricoperti di pack erano aperti alla navigazione per gran parte dell'estate , più di prima, e un enorme nave cisterna russa che trasportava gas naturale liquefatto ha fatto in quel modo una consegna, provando quanto sia diventata preziosa questa rotta, ha detto Mark Serreze, direttore del Centro Nazionale per i Dati su Neve e Ghiaccio (National Snow and Ice Data Center).

Anche in Groenlandia, il 97% del ghiaccio delle calotta glaciale di superficie ha subito una qualche fusione. I cambiamenti nell'Artico alterano il tempo meteorologico del resto del mondo e “la fusione del ghiaccio significa un'amplificazione del riscaldamento”, ha detto Jarraud. Ci sono stati altri estremi atmosferici che nessuno aveva previsto: un episodio repentino invernale che ha ucciso più di 800 persone in Europa. Una strana bufera di vento estiva chiamata 'derecho' nel centro dell'Atlantico statunitense  che ha lasciato milioni di persone senza elettricità. Il ghiaccio marino dell'Antartico che procedeva ad un record massimo. Più di 30 centimetri di pioggia seguita al Giorno del Ringraziamento è finita nel Super Tifone degli Stati Uniti occidentali Bopha, che ha ucciso centinaia di persone nelle Filippine ed era la tempesta più a sud mai vista di questo tipo.

Gli Stati Uniti hanno avuto “qualche anno di quiete, mentre il resto del mondo era impazzito”, ma non è il caso di quest'anno, ha detto Arndt. Il gigante assicurativo Munich Re in un rapporto di questo autunno ha concluso: “Il numero di catastrofi naturali annuali è più evidente in Nord America che in qualsiasi parte del mondo”. Nel 2011, gli Stati Uniti hanno stabilito un record con 14 miliardi di dollari di disastri dovuti al meteo. Il NOAA ha un conteggio preliminare di 11 disastri simili. E l'indice ufficiale del clima estremo del NOAA, che conta i disastri e gli eventi rari come i giorni super-caldi, sta per stabilire il suo nuovo record. Arndt indica il cuore geografico dell'America, il Mississippi, come emblematico.

Il 6 maggio 2011, il fiume Mississippi, a New Madrid in Montana, ha raggiunto il suo punto più alto mai registrato. Meno di 16 mesi dopo, il 30 agosto 2012, lo stesso indicatore sul fiume si trovava 19 metri più in basso, segnando il minimo di tutti i tempi. Gli Stati Uniti hanno attraversato gli stessi estremi altalenanti coi tornado: Quelle tempeste hanno ucciso 553 persone lo scorso anno, ha detto la Furgione. Quest'anno è cominciato con molti tornado, poi in aprile si sono semplicemente fermati. Da aprile a novembre la normale stagione dei tornado, ha visto il minor numero di F1 o più forti tornado di sempre. “Ogni anno porta tipi diversi di meteo estremo e di eventi climatici”, ha detto il capo del NOAA Jane Lubchenco. “ Oggi, tutte le tempeste in un mondo dal clima alterato”.

Non tutto è collegato al riscaldamento globale antropogenico, dicono gli scienziati del clima. Alcuni, come i tornado, non hanno nessuna connessione riconoscibile scientificamente. Altri, come le Supertempeste della Costa Est, saranno studiati per vedere se il cambiamento climatico sia una causa, anche se gli scienziati sostengono che l'aumento del livelli del mare ha peggiorato in modo chiaro le alluvioni. Sono più convinti che le ondate di calore della scorsa estate lo siano. Questi non sono “chiaramente eventi anomali” ma “cambiamenti sistemici”, ha detto lo scienziato climatico Stefan Rahmstorf del Potsdam Institute in Germania. “Con tutti questi estremi che, realmente, tutti gli anni negli ultimi 10 anni hanno colpito diverse parti del globo, sempre più gente si rende assolutamente conto che il cambiamento climatico è qui e ci sta già colpendo”.

Nel 1988, lo scienziato della NASA James Hansen, a volte chiamato il padrino della scienza del riscaldamento globale, ha fatto girare dei modelli computerizzati che prevedevano che gli anni 19 del 2.000 avrebbero visto molti più giorni con 35°C o oltre e molti meno giorni al di sotto dello zero. Quest'anno ha fatto sembrare le previsioni di Hansen come sottostimate. Per esempio, lui aveva previsto che nel 2010 Memphis avrebbe avuto in media 26 giorni con più di 35 gradi. Quest'anno sono stati 47. Gli scienziati – sia quelli che studiano il riscaldamento sia quelli che studiano gli uragani – hanno avvertito per più di un decennio riguardo ad un uragano con ondate di tempesta che avrebbe colpito New York City allagandone la metropolitana. E' accaduto con Sandy. Anche se non era un grande uragano, si è allungata per quasi 1.000 miglia negli Stati uniti, portando ondate di tempesta, interruzioni dell'elettricità a milioni di persone e perfino neve. Sandy ha ucciso più di 125 persone negli Stati uniti e almeno 70 nei Caraibi.

Per decenni, gli scienziati hanno previsto siccità estese causate dal riscaldamento globale. Quest'anno, la siccità del 2012 è stata così estesa che quasi 2.300 contee – quasi in ogni stato – hanno dichiarato disastri agricoli. Ad un certo punto quest'estate, più del 65% dei 48 stati meridionali stavano soffrendo la siccità. E con la mancanza d'acqua è arrivato il fuoco, cosa a sua volta menzionata nei rapporti scientifici sul riscaldamento globale. La stagione degli incendi negli stati uniti è arrivata prima del consueto ed è durata più a lungo, dicono gli ufficiali. Quasi 4 milioni di ettari – un'area più grande dello stato del Maryland – sono stati bruciati dagli incendi, al terzo posto da quando sono iniziate registrazioni più precise, cioè dal 1960.

“Prendete ognuno di questi eventi da solo e potrebbe essere possibile gridare 'è un caso!'. Prendeteli collettivamente e forniranno una conferma esattamente di quello che avevano previsto che sarebbe accaduto gli scienziati del clima decenni fa, se avessimo continuato a bruciare combustibili fossili come sempre e come abbiamo fatto”, ha detto in una email lo scienziato del clima dell'Università di Stato della Pennsylvania Michael Mann. “E quest'anno specialmente è d'ammonimento. Quello che vediamo oggi come un meteo estremo senza precedenti diventerà la nuova normalità nel giro di decenni se continuiamo come abbiamo fatto finora”.










2 commenti:

  1. Solo in Texas sarebbero morti 300 milioni di alberi per la siccità, tra 2011 e 2012 ed altrettanti dovranno morirne (in grandissima parte senza rimpiazzo) ogni anno per i prossimi venti o trenta anni seguendo il pattern climatico degli Stati Uniti centro-meridionali.
    Tanto per dare una dimensione del disastro, in tutta Italia si calcola ci siano all'incirca 12 miliardi di alberi.

    RispondiElimina
  2. Il problema ecologico sta facendo concorrenza al picco del petrolio, a chi arriva prima a fare danni!
    La costruzione di 1200 centrali a carbone nel mondo nei prossimi anni, di cui la maggior parte in Cina, non farà altro che peggiorare la situazione.
    Aldilà dell’effetto serra causato dall’anidride carbonica, potrebbe essere ancora peggiore l’effetto causato dallo zolfo presente nel carbone bruciato, con produzione di anidride solforica, che oltre a far male alla salute, con l’umidità dell’atmosfera produce Acido Solforico che è la prima causa delle piogge acide.
    Il problema delle piogge acide è già notevole in Cina e si aggraverà sempre più.
    Quindi le piante o moriranno per mancanza di acqua (poche precipitazioni), oppure, quando l’acqua ci sarà, moriranno per le piogge acide!

    RispondiElimina