Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 4 marzo 2010

Michael Mann: siamo alla guerra!

 

Michael Mann, climatologo americano, è noto per i suoi studi sulle temperature del passato basati sull'esame degli anelli di crescita degli alberi. Questi studi hanno portato al grafico noto come "la mazza da hockey": un contributo importante per la scienza del clima, pienamente confermato in studi successivi. Tuttavia, il lavoro di Mann è stato oggetto di una campagna mediatica di demolizione che ha preso come bersaglio anche lo stesso Mann, vituperato, insultato, minacciato e denigrato in tutti i modi possibili. 


Immaginatevi come deve essere la vita di uno come Michael Mann che è continuamente bersaglio di minacce, insulti e offese varie che gli arrivano sia da gente che è pagata apposta per denigrarlo, sia da chi ci si diverte soltanto. Mann è stato messo nella lista dei climatologi che il senatore Inhofe vorrebbe incriminare e mandare in galera. La CNN ha diffuso un video  dove Mann viene mostrato come una grottesca caricatura di se stesso che canta una canzoncina: un operazione propagandistica che ricorda la pubblica demolizione dei dissidenti al tempo dell'Unione Sovietica. Ovunque su internet lo insultano: basta un esempio trovato a caso qui, dove lo definiscono "tricky bastard" (che non credo richieda traduzione). Mann stesso racconta che riceve centinaia di messaggi di insulti e di minacce di morte tutti i giorni non solo per lui ma anche per la sua famiglia.

Deve essere terribilmente duro vivere così per uno che vorrebbe soltanto fare il suo mestiere, quello dello scienziato, e che non ha dietro un partito politico o una lobby potente. E' solo lui, con qualche collega che gli da una mano.

In un intervista di Randy Olson  viene fuori qualcosa della personalità e delle idee di Mann. Qui, Mann dice una cosa fondamentale: c'è una guerra combattuta contro la scienza del clima e gli scienziati. Bisogna che altri diano una mano, altrimenti la guerra si può perdere. Aggiungo io che è una guerra contro la scienza in generale, non solo contro la scienza del clima. Bisogna che ci impegnamo per difendere la scienza, altrimenti rischiamo di perdere tutto quello di buono che abbiamo fatto da Galileo fino ad oggi.

Dell'intervista di Mann, vi traduco un pezzettino. Il resto si trova qui

Robert Olson: Lei pensa che dopo il climategate ci sia una nuova comprensione della serietà della questione dell'attacco agli scienziati, e vede nuovi cambiamenti che si stanno verificando in proposito?
Michael Mann: Sarà sorpreso che posso dargli risposte di una sola parola a entrambe - si e si. Io credo che ci sia, piuttosto in ritardo nella partita, ma meglio tardi che mai , c'è oggi una comprensione che c'è una guerra che si sta combattendo contro la scienza del clima e contro gli scienziati, e se altri non entrano a dar loro una mano, la loro causa potrebbe essere sconfitta.

______________________________________________

RO - Do you think, post-Climategate, there’s a new realization of the seriousness of this issue of attacking scientists, and do you see any new changes happening to address that.
MM - You’re going to be surprised that I can actually give you one word answers on both — yes and yes. I think there is — perhaps a little late in the game — but better late than never — now there is an awareness that there is a war being fought against the climate science and scientists, and if others don’t step in and assist in that war, their cause could be lost.

4 commenti:

  1. Mi sento in dovere di prendere una netta distanza da quelli che minacciano di morte gli scienziati. Io mi limito solo ad invitarli ad essere meno "presuntuosi"...

    ...e di considerare sempre il Dubbio... in tutto!

    RispondiElimina
  2. Mi sento in dovere di prendere una netta distanza da quelli che minacciano di morte gli scienziati. Io mi limito solo ad invitarli ad essere meno "presuntuosi"...

    ...e di considerare sempre il Dubbio... in tutto!

    RispondiElimina
  3. Quando si diceva che saremmo arrivati consistentemente alle minacce fisiche, non ci credevo molto, e invece eccoci qui. Speriamo che non succeda anche con i membri di ASPO Italia!

    RispondiElimina
  4. beh, Luca Mercalli ha già ricevuto diverse minacce di morte. Per il momento, a me non me ne sono arrivate - insulti invece si; a carriolate.

    RispondiElimina