Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 23 marzo 2010

Clima: Il mezzogiorno di fuoco degli scienziati


Come lo sceriffo di "Mezzogiorno di Fuoco", gli scienziati del clima sono stati lasciati soli a difendere la scienza in un momento molto difficile.


Arriva da Climate Progress un eccellente post di Hunter Cutting che mi trova daccordo su tutti i punti (e anche le virgole) e che mi ha ispirato una riflessione sulla situazione attuale dell'attacco alla scienza e di come mai la difesa è così debole.

Vi riassumo brevemente il post di Cutting. Per prima cosa, Cutting identifica il punto centrale della situazione: quello che abbiamo davanti non è un dibattito scientifico, ma un dibattito puramente politico. Tuttavia, gli oppositori del concetto di "riscaldamento globale antropogenico" sono riusciti a posizionare il dibattito in termini tali da farlo apparire sui media con l'apparenza di un dibattito scientifico, anche se non lo è. Questa apparenza è rinforzata dal fatto che gli scienziati del clima sono stati lasciati soli a "difendere il fortino," cosa alla quale non sono abituati e, in effetti, non stanno facendo bene (Cutting usa la metafora di "un disastro ferroviario dopo l'altro"). Più si dibatte, più i dubbi si diffondono e va a finire che il pubblico subisce l'impressione che scienza e anti-scienza siano alla pari.

Dice molto giustamente Cutting che di fronte a questo attacco non basta difendersi; non basta limitare il dibattito alla sola scienza. Non basta difendere l'IPCC. Bisogna far capire che questo attacco ci sta facendo perdere tempo prezioso di cui avremmo bisogno per limitare perlomeno i danni del riscaldamento globale. Bisogna cercare di far notare alla gente i danni immediati del riscaldamento tenendo conto della predizione - che si sta avverando - di un aumento della frequenza degli eventi meteorologici estremi. Ma, soprattutto, bisogna non lasciare soli gli scienziati.

Aggiungo io a questo punto che sono incuriosito da una situazione che ricorda moltissimo il tema di "Mezzogiorno di Fuoco", ovvero dello sceriffo lasciato solo a combattere contro i malviventi. Come sta che gli scienziati sono stati lasciati praticamente soli a combattere contro l'ondata di anti-scienza?

Se ci pensate sopra, quante condanne avete sentito del furto della posta dal server dell'università di East Anglia? Eppure, è stato un atto criminale, fatto da criminali professionisti. Chi li ha pagati e chi li ha spinti a fare quello che hanno fatto? Curiosamente, di questa cosa si parla pochissimo.

E quante associazioni, enti e governi hanno preso ufficialmente posizione in favore della scienza? Sono sparite le miriadi di assessori che passavano le loro giornate a ridurre le emissioni di CO2 installando doppi vetri qua e la. Anche i burocrati della Commissione Europea sembrano scomparsi - eppure la richiesta di quantificare di "quanto si ridurranno le emissioni di CO2" era standard anche se si parlava di papiri egiziani. Ho cercato qualcosa a proposito del climategate sul sito internazionale del WWF e ci ho trovato soltanto qualcosa che sembra più che altro una lettera di scuse. Sul sito del WWF italiano, non c'è assolutamente niente in proposito, almeno che venga fuori col loro motore di ricerca. Non che io ce l'abbia col WWF, per carità, anzi li giudico come l'associazione più seria e preparata che abbiamo in Italia in campo ambientale. Ma è possibile che sulla questione del "climategate" non si siano sentiti di dire una parola di condanna per il furto della posta e l'indegno trattamento di minacce e offese riservato agli scienziati?

Solo Al Gore, fra le figure di spicco in questo campo, è venuto fuori con una difesa della scienza in un articolo sul New York Times. Mi è parso un po' debolino come articolo, ma perlomeno mette in chiaro che la scienza del clima è una cosa seria e che non si può far sparire il riscaldamento globale soltanto negandolo. Che sia rimasto il solo Al Gore a fare il Gary Cooper della situazione?


Ecco l'articolo di Hunter Cutting (il grassetto su alcune frasi è un'aggiunta mia)
______________________________________________________________

Reframing the debate on climate science



This guest post by communications expert Hunter Cutting is part of an ongoing Climate Progress series on climate messaging.


Cutting helped to build Resource Media, a non-profit communications center devoted to environmental issues, where he recently served as Associate Director for Energy and Climate. He is the author of “Talking the Walk, A Communications Guide for Racial Justice” (AK Press 2006), and his writings can be found at http://talkinthewalk.wordpress.com. This essay was first posted on HuffPost.



The international consensus on global warming has seemingly experienced a spectacular slow-motion train wreck over the last few months, with “climategate” reports piling up in public debate like derailing rail cars filmed in freeze frame. The fascination for on-lookers, however, is that the science itself is largely blameless. Instead, the pile-up stands as a case study in how not to wage a political battle. And make no mistake; the attacks on climate science are pure politics. We have seen attacks on science before, just pick your favorite example: smoking, toxic pollution, seat belts, etc. However, until there is a fundamental reframing of the climate science debate, one that illuminates the politics, the current round of attacks will continue to enjoy success.


Before focusing on how to reframe the debate on climate science, it’s fair to ask whether it’s worth the effort. In the wake of the Nobel Prize-winning IPCC report on climate change three years ago, with climate science seemingly well established, advocates for climate protection focused their attention and rhetoric on the power of clean technology to fuel economic growth and create green jobs.


This strategy was driven in part by the sober realization that abstract science is very limited when it comes to reaching and mobilizing mainstream audiences in the U.S. Fancy PowerPoint charts describing a threat arriving 100 years in the future just won’t cut it when your job is on the line right now and rent is due next week.


With the IPCC report well publicized, the champions of climate science moved onto other fronts, leaving climate scientists to hold down the fort. However, this approach ignored a basic principal of conflict – victories must be defended. Not surprisingly, the opponents of climate protection took advantage and mobilized to attack the science. They understood full well that, while the science is insufficient by itself to mobilize public will, it does provide the foundation for building the moral outrage than can and does move Americans. Poll after poll has found that highlighting the threat global warming poses to our children’s future is one of the few compelling arguments that gain traction with mainstream audiences. But that threat is meaningless if the science is not believed.


At the same time, the scale and pace of change required to avoid catastrophic climate change can’t be summoned simply by highlighting the benefits of investing in clean energy. The benefits from changing over to a low carbon society are too diffuse, and the few big winners are yet to be known. Meanwhile the losers know exactly who they are and understand that they stand to lose, and they have the deep pockets to fight long and hard. Choosing between highlighting the benefits of change or focusing on the danger of inaction is a bad strategy. Both benefits and risks must be illuminated.


Science is the question (and it shouldn’t be)


Currently, media coverage of climate science is framed such that it defines the fundamental question as an issue of science, not politics. In this setting, the more the science is debated, the more the science is defined as debatable. There is simply no way to “prove” the science in a sound bite or a new story. Debating the science in the news is a no-win proposition that perpetuates public doubt. 

There are four dimensions to the frame of every issue. And there is an opportunity to recast every dimension of climate science debate.


The Messenger


When audiences read news stories and attempt to make out the underlying issues, they take an important cue from the identity of the messengers. And currently, climate scientists are almost the sole messengers defending climate science. While this is problematic on a number of fronts, it is particularly challenging for the framing of the debate. Putting a scientist in the messenger role reinforces the notion that the fundamental issue is a question about the science. If scientists are doing the debating it is only natural to assume the science is debatable.


Beyond the question of identity, many scientists don’t make for a good messenger when the issue is politicized, such as with climate science. They are loath to call out the politics and step into a controversy outside their area of expertise.

Climate scientists must be joined by other messengers who are willing to stand up and speak out against the attack on science: farmers whose children would inherit dust-bowl farms due to the delay urged by climate deniers, generals who understand the national security threat, and business leaders who understand that every year of delay in investing in clean energy costs the global economy hundreds of billions of dollars.


The Message


When debate becomes poisoned and opponents are engaged in distortion and deceit, it becomes critically necessary to call out the politics and highlight the consequences of arguing in bad faith.


Climate advocates should document and highlight the funding and industry ties for the current wave of climate deniers. While the new generation of critics is often driven by partisan politics as much as by direct industry interests, their partisanship is fair game for reprove, particularly when it comes at the expense of our nation.


Advocates for climate protection need to go on the offensive. They need to go beyond saying what the attacks don’t do (”they don’t undermine the science”) and spell out what the attacks do achieve: costly and dangerous delay.
Calling out the politics is a way to bridge the debate, to move away from debating climate science to highlighting the impacts of climate change as well as the opportunity to invest in a clean energy economy, an opportunity jeopardized by the delaying and stonewalling tactics of climate deniers.


The Audience


The audience forms the third dimension of a news frame. Tell the same story to a different audience and you can end up with a different story. In the context of the climate science debate, addressing the ultra-conservative audiences served up by Fox News is a low priority. The focus should be on independent audiences in key states. At the same time, it is important not to ignore liberal bloggers simply because reaching out to them is seen as preaching to the choir. That choir makes up the much talked about echo chamber, and if you don’t give the choir a songbook, it doesn’t know what to sing.


The Setting


It’s critically important to do more than defend the IPCC. Debating 1,000 page science reports is not a compelling setting, and the rehabilitation of the IPCC brand will not happen overnight, despite the fact that the damage was done by erroneous attacks.


A better setting for talking about climate science is a real time impact of climate change, be it a record heat wave or record heavy rains followed by heavy flooding. There is no denying what your eyes can see. Last fall’s record setting flood in Atlanta was a textbook example of the kind of impact that should be highlighted. Only months earlier, NOAA had released a consensus science report documenting the trend of increased heavy precipitation during the fall months in the southeastern United States. NOAA identified climate change as driving the trend and predicted more of the same for the future.


Some have argued that focusing on current weather can be tricky. However, advocates were forced to do just that when opponents focused on the recent snowstorms as “proof” that global warming was oversold. Advocates were successful in pushing back on climate change deniers in that instance, and the same effort should be applied to upcoming heat waves, droughts and flooding, events that fit the pattern of increasing extreme events that scientists have clearly documented and predicted will only increase as the impacts of climate change intensify,


Another useful setting can be the courtroom, where the plaintiffs are real life people who’ve suffered real losses from climate change. In this setting the question is not whether or not the science is solid, but whether the fossils fuel industry should be held legally liable for the billions of tons of carbon pollution it has dumped into the atmosphere.


Other useful story lines could highlight different governments, companies, and stakeholders such as water managers who are already making decisions and taking action based on what the science is dictating, reinforcing the notion that the science is settled–and urgent–with dramatic consequences for their business and communities.


Fending off the attack on climate science does require a concerted rapid-response defense simply to set the record straight. But winning the debate requires going beyond defending the science. It requires asking different questions, such as who wins and who loses.


Hunter Cutting

10 commenti:

  1. Gregory Peck?
    Gary Cooper, semmai.
    Occhio che questo punto invalida completamente il post dal punto di vista scientifico
    ;-)

    RispondiElimina
  2. Whoops..... perlomeno c'era una "G" maisucola in tutti e due i nomi......

    RispondiElimina
  3. "Sono sparite le miriadi di assessori che passavano le loro giornate a ridurre le emissioni di CO2 installando doppi vetri qua e la."

    Emh, magari averne. Gli Assessori pensano in grande, installano decine di metri quadri di pannelli fotovoltaici sui tetti delle scuole, di solito edifici degli anni '70 veri colabrodi energetici.
    Ma si sa, questi si vedono bene ed elettoralmente sono più pregnanti.

    Io nel mio piccolo sto dicendo, nelle occasioni giuste, che bevo l'acqua del rubinetto, citando i danni ambientali del trasporto, immagazzinamento ecc. dell'acqua in bottiglia.
    I più gentili strabuzzano gli occhi, i più espansivi si fanno una risata.
    E' un lavoro lungo riabituare le persone ad una vita più naturale, varrà la pena continuare a farlo?

    RispondiElimina
  4. Esatto! La tavola di Tom Tomorrow è già in coda e pronta per la pubblicazione!

    RispondiElimina
  5. > quello che abbiamo davanti non è un dibattito
    > scientifico, ma un dibattito puramente politico.

    Bingo! e finchè i climatologi pro AGW useranno la scienza in modo strumentale per ottenere potere politico dovranno adattarsi ad essere trattati come politici.

    > Sono sparite le miriadi di assessori che passavano
    > le loro giornate a ridurre le emissioni di CO2

    Le scelte degli assessori o dei governi non sono un problema dei climatologi.
    Semmai sono un problema che deve interessare gli elettori.
    Se i climatologi vogliono determinare come il comune di Frittole o la commissione europea impiegano i soldi dei cittadini si presentino come candidati e accettino il verdetto degli elettori.

    RispondiElimina
  6. Caro Pablo, permettimi di dirti che non hai capito nulla di come stanno le cose. I climatologi devono fare i climatologi e i politici devono fare i politici. Non ha senso dire ai climatologi di presentarsi alle elezioni ed è altrettanto senza senso per i politici di andare a concionare di scienza del clima. Ognuno faccia il suo mestiere, altrimenti sembra di essere in quella famosa barzelletta, sai quella "il peggiore dei mondi è quando gli inglesi fanno i cuochi, eccetera...." Il peggiore dei mondi e anche quando i politici fanno i climatologi e qualcuno propone che i climatologi facciano i politici.

    RispondiElimina
  7. Caro Prof. Bardi, non mi convince, non vedo alcuna argomentazione nella sua replica.

    Se i climatologi parlassero di clima non si sarebbero invischiati con tuttologi e opinionisti del mainstream che li maltrattano ad ogni 2x3 secondo le necessità dell'editore.

    Da un bel pezzo i climatologi si sono messi a giudicare, moralizzare, stigmatizzare la società dei consumi. Dicono che dobbiamo cambiare abitudini, contrastare l'AGW emettendo meno CO2, ma questa non è climatologia, è politica.

    Il punto per i climatologi pro AGW e, da quanto scrive, anche per Lei, non è tanto di dimostrare la verità scientifica del AGW ma di far leva sul AGW per poi poter sostenere che occorre un cambiamento epocale nello stile di vita, nei consumi ecc. ecc.

    Si tratta di scelte politiche che non competono ai climatologi ma tutti i cittadini e sulle quali i climatologi non hanno particolare voce in capitolo e spesso non hanno nemmeno specifica competenza, come quando si parla dei possibili effetti socioeconomici, agricoli o sanitari del AGW.

    RispondiElimina
  8. Beh, caro pablo, mi confermi esattamente quello che dicevo nella mia risposta

    RispondiElimina
  9. Gianni
    Mezzogiorno di fuoco – Il costo per i cittadini dell’UE
    Strana coincidenza di titoli, l’Unione Europea ha recentemente lanciato il programma Highnoon (Mezzogiorno di fuoco) come descritto nel documento The road to Highnoon qui sotto

    http://www.eu-highnoon.org/nl/25222819-%5Blinkpage%5D.html?opage_id=25222886&location=-7142454531883746,3,False,CriteriaTitle,Verfijn,True,true,true

    La giustificazione del progetto è la seguente (pag.5) estratta dal AR4 del IPCC:

    “I ghiacciai dell’Himalaya recedono piu’ velocemente che nel resto del mondo e se questo ritmo continua, la probabilità di disparizione completa nel 2035 è molto alta se la terra continua a riscaldarsi al ritmo attuale ”
    Adesso sappiamo che la data 2035 è pura fantasia, la data stimata dal glaciologo Kotlyakov autore dell’articolo originale è 2335. Una semplice svista come dice l’IPCC? Difficile a credere, anche perchè il Dr Murari Lal, co-autore del capitolo in questione in un’intervista ha ammesso che l’IPCC era a conoscenza di questa “svista” ma ha aggiunto “Abbiamo pensato che sottolineando (nota: la rapida fusione dei ghiacciai) avrebbe un forte impatto sui policy-makers e politici per incoraggiarli a prendere azioni concrete”
    La prima azione concreta è stato il progetto Highnoon per il quale l’UE ha stanziato 10 M€ (pagina 8 del documento).
    Dove sono finiti questi soldi? Secondo il TimesOnline del 24 gennaio scorso, la grand parte è andata al TERI (The Energy and Resources Institute) una organizazione privata indiana di ricerca energetica, appartenente al gruppo TATA. E sorpresa, il presidente del TERI è il Dr. Rajenda Pachauri che è anche il presidente dell’IPCC.
    Gli scienziati dell’IPCC non sono affatto soli a difendere il fortino, l’IPCC come braccio politico dell’ONU per il clima dispone di mezzi importanti come dimostra il progetto Highnoon ed è al centro di importanti transazioni finanziarie attraverso la gestione dei CDM (Clean Development Mechanism). Uno degli esempi piu’ eclatanti è il caso dello stabilimento Corus di proprietà della TATA, situato nella citta di Redcar in Inghilterra. Questo stablimento è stato chiuso il dicembre scorso e trasferito in India causando la perdita di 1700 posti di lavoro. La ragione di questo trasferimento risiede nel fatto che operando in Inghilterra la TATA avrebbe dovuto pagare £600 milioni di tassa carbone mentre lo stesso impianto in India fa’ guadagnare alla TATA la stessa somma sotto forma di CDM amministrati dall’ONU.

    RispondiElimina